Tu sei il mio unico rifugio, o Dio!

Un giorno una parola – commento a Salmo 91, 9

O Signore, tu sei il mio rifugio
Salmo 91, 9

Avendo dunque una tale speranza, ci comportimao con molta franchezza
II Corinzi 3, 12

In questi tempi d’incertezza crescente e potenzialmente sconfinata facciamo sempre più fatica a trovare un riparo alla nostra vita. Non soltanto alla nuda e cruda sopravvivenza quotidiana – che, almeno per chi, occidentale, viva in Occidente, non è in genere sotto assillante minaccia da un giorno al successivo – ma un riparo anche a qualche brandello di un “mondo”, per quanto angusto e caduco, nel quale la vita di ciascuno e ciascuna di noi è venuta alla luce e da cui riceve un qualche senso che l’accompagna e la rassicura fino al suo spegnersi. Tutto sembra, via via più rapidamente, sgretolarsi – fuori e dentro di noi. Dove trovare rifugio, in questo vortice?

«Tu sei il mio rifugio», dice l’orante del Salmo 91 al «Signore», a Dio. Non dice “un” rifugio, e neppure “l’ultimo” rifugio, bensì «il mio rifugio». Non ve n’è altri accanto a esso o al di fuori di esso. Per chi nel Salmo si rivolge a Dio, egli è “l’unico” rifugio: è questo il vero senso della frase. È una confessione di fede. Esattamente questo significa dire “Credo in...”: Tu sei il mio unico rifugio! Senza partire da quel «tu» al quale totalmente ci si affida, chi dice di credere non esce affatto dalla rovina di ogni certezza e s’illude di trarsi fuori dall’abisso – come il Barone di Münchhausen dalle acque della palude, tirandosi su per il codino dei propri capelli!

Quel «tu», invece, è tutto – particolarmente nella preghiera. È il «tu» che salva. È il «tu» che è «rifugio» e «fortezza», come dice l’orante all’inizio del Salmo. È ciò che non vacilla quando tutto, persino l’“io”, vacilla. Ed è colui che risponde: «Poich’egli ha posto in me il suo affetto, io lo salverò; lo proteggerò, perché conosce il mio nome». Conoscere il nome di Dio significa che Dio ci si è rivelato, conoscerlo nella sua irriducibile diversità da noi. Ma al contempo significa essere suoi, poter confidare pienamente in lui prima ancora che nel mondo, prima ancora che in noi stessi.

 

Interesse geografico: