Un pastore pentecostale nuovo presidente del Malawi

Lazarus Chakwera, a lungo alla guida delle Assemblee di Dio della nazione sud africana, ha vinto le elezioni, ripetute dopo i brogli del 2019

Quattro giorni di scrutinio e sabato scorso 27 giugno Lazarus Chakwera è stato proclamato vincitore delle elezioni presidenziali in Malawi. Chakwera è un pastore e dal 1989 al 2013 è stato leader delle Assemblee di Dio, pentecostali, nel piccolo paese sud africano.

Più di 4 milioni di elettori hanno votato dunque martedì 23 giugno per la seconda volta in un anno, dopo che la rielezione di Peter Mutharika nel maggio 2019 è stata annullata a causa di gravi brogli. Dopo quattro lunghi giorni di conteggio, il presidente della Commissione elettorale Chifundo Kachale ha confermato l'ampia vittoria di Lazarus Chakwera, 65 anni, con il 58,57% dei voti. È davanti a Peter Mutharika, 79 anni di oltre 800.000 voti.

Lazarus Chakwera dirige il Malawi Congress Party (Mcp) dal 2013, l'ex partito unico che ha governato il paese dal 1964 al 1994 durante il regno, la dittatura, di Hastings Banda. In questi anni ha cercato di dare nuova linfa al partito distinguendosi dal pugno di ferro di Banda. «I leader coinvolti in queste cose cattive hanno lasciato l'Mcp», ha detto di recente. Dall'inizio dell'era della democrazia, il suo movimento ha sistematicamente perso tutte le elezioni nazionali. Il suo successo arriva a porre fine a questa serie, al terzo tentativo.

Durante le contestate elezioni del maggio 2019, la Commissione elettorale aveva proclamato la vittoria di Peter Mutharika, al potere dal 2014, con il 38,57% dei voti contro il 35,41% a Lazarus Chakwera. Ma il leader dell'opposizione aveva contestato i risultati e i suoi sostenitori erano scesi in strada per diversi mesi per chiedere l'annullamento del voto. Le loro manifestazioni erano state teatro di frequenti violenze con la polizia.

Nel febbraio 2020, la Corte costituzionale ha infine invalidato i risultati sulla base di «irregolarità generalizzate e sistematiche» e ha ordinato un nuovo voto. Il Malawi è quindi diventato il secondo paese dell'Africa sub-sahariana ad aver annullato le elezioni presidenziali, dopo il Kenya nel 2017.

Lazarus Chakwera ha costruito il suo successo elettorale sostenendo una rottura con il regime del suo predecessore, che ai suoi occhi era corrotto e incapace di sollevare il paese e i suoi 17 milioni di abitanti dalla povertà.

Prima di diventare capo dell'Mcp nel 2013, questo padre di quattro figli ha guidato la congregazione delle Assemblee di Dio del Malawi per quasi un quarto di secolo.

«Dio mi ha parlato. Dio non mi ha detto, ti sto portando fuori dal tuo ministero. Mi ha detto piuttosto “Estendo il tuo ministero in modo che tu possa guidare un'intera nazione"», ha esternato in un recente video.

Chakwera si è laureato con una laurea in Filosofia presso l'Università del Malawi nel 1977. Ha quindi studiato teologia e si è laureato con lode all'Università del Nord in Sudafrica e ha conseguito un master (presso l'Università del Sudafrica nel 1991. La Trinity International University negli Stati Uniti gli ha conferito un dottorato nel 2000. È diventato professore al Seminario teologico pan-africano nel 2005. 

Ha lavorato come istruttore presso la Scuola di teologia delle Assemblee di Dio dal 1983 al 2000, dove è diventato preside nel 1996. È stato condirettore e docente presso il Seminario teologico All Nations. Dal 1989 presiede le Assemblee di Dio del Malawi. Il 14 aprile 2013 ha colto molti di sorpresa quando ha dichiarato le sue intenzioni di partecipare a una Convenzione del Partito del Congresso del Malawi dell'opposizione (Mcp) come presidente, pur mantenendo la presidenza delle Assemblee di Dio. 

Interesse geografico: