Linee comuni per rispondere al Covid

Il Consiglio mondiale delle chiese riformate ha proposto un seminario per tentare di delineare le nuove vie che le chiese devono seguire in questi tempi di pandemia globale

Una consultazione globale via web ha avviato un processo in seno alla Comunione mondiale delle chiese riformate (Wcrc) per discernere come la Comunione possa «fornire una risposta teologica profetica» alla pandemia di Covid-19 e preparare la Comunione a diventare una chiesa confessante in tempi di isolamento globale che la pandemia ha creato.

«Il Covid-19 ha aperto gli occhi su molte sfide e realtà», ha dichiarato Najla Kassab, presidente della Wcrc. «Nel mezzo del nostro dolore e della nostra lotta vediamo la speranza, principalmente perché Dio è con noi e stiamo insieme, rafforzandoci a vicenda. Questo è il momento di costruire una forte comunione, profetica, una presenza di impatto in ogni luogo».

«Nella nostra conversazione di oggi stiamo cercando di fornire una risposta immediata che coinvolgerà tutti i livelli della nostra famiglia e sarà sia specifico per affrontare la crisi coronavirus sia per proseguire verso i nostri obiettivi a lungo termine», ha affermato Chris Ferguson, segreatio generale della Wcrc. 

Un documento in dieci punti è stato presentato per la discussione e introdotto da Philip Vinod Peacock, segretario esecutivo del Wcrc per la giustizia e la testimonianza e da Hanns Lessing, segretario esecutivo per la comunione e la teologia.

«Ciò di cui non abbiamo bisogno è un ritorno alla normalità», ha detto Peacock. «Ciò che è normale è ciò che ha reso questa crisi quella che è. Questa è un'opportunità per costruire un nuovo mondo».

«Il virus mostra la segregazione che abbiamo costruito nelle nostre società e in tutto il mondo», ha affermato Lessing. «Siamo chiamati a rispondere a livello teologico, ma anche a livello politico, e anche sul modo in cui siamo chiesa».

La discussione, moderata da Lungile Mpetsheni, della Chiesa presbiteriana unita nell'Africa meridionale, ha suscitato un'ampia varietà di risposte da parte del gruppo collegato da ogni angolo del mondo.

«La Riforma protestante è nata all'indomani della pandemia della morte nera. Questa pandemia di oggi ci spinge a rivisitare la nostra visione e il vocabolario teologico che stiamo usando» il succo delle parole di Joas Adiprasetya , rappresentante per l’Indonesia della Comunione mondiale di chiese riformate.

«Penso che la crisi Covid ci porti davvero a riformulare la sceneggiatura che stiamo usando», ha affermato Angela Martins, portavoce delle chiese dei Caraibi e dell’area nordamericana. «Ci viene richiesto da questo virus di uscire dal nostro tradizionale, unico, box globale e portare una comprensione teologica rinnovata e rinfrescata».

«Dobbiamo re-immaginare, re-immaginare davvero l'intera economia della vita», ha proseguito Rathnakara Sadananda, membro del gruppo di programma di piano strategico Wcrc. «Ciò è qualcosa che richiede una riforma».

«Questa crisi solleva la grande domanda su cosa significhi essere chiesa e vivere con incertezze. Sta ridefinendo ciò che significa essere chiesa», ha dichiarato Roderick Hewitt del Consiglio Wcrc. «Stiamo riscoprendo un modo diverso di essere chiesa. Questo è un momento di rivisitazione, teologica, linguistica, generale».

Mpetsheni, osservando che «siamo solo all'inizio di un processo», ha concluso l'incontro affermando che sarà istituito un gruppo di lavoro per portare avanti il ​​ragionamento, spostando il discernimento in contesti regionali, insieme a partner ecumenici.

I risultati previsti del processo includono:

  • La redazione di una dichiarazione della Comunione mondiale sulla pandemia di Covid-19
  • La produzione di risorse che consentirebbero alle chiese e alle regioni membri di partecipare al processo
  • L’organizzazione di webinar per affrontare argomenti cruciali
  • Esplorare la visione più ampia che emergerà dalla risposta alla crisi Covid-19 che guiderà l'organizzazione sulla strada per il Consiglio Generale del 2024.

Interesse geografico: