Iniziati i lavori del Consiglio esecutivo della Comunità di chiese in missione

Tre giorni di lavori su internet per la riunione virtuale della Cevaa

Ieri 24 giugno ha preso il via la tre giorni di incontri del Consiglio esecutivo della Cevaa ( la Comunità di chiese in missione) in modalità virtuale; inizialmente previsto per aprile a Sète e infine organizzato in videoconferenza, erano presenti tutti i membri del Consiglio e del Segretariato della Cevaa.

La meditazione del giorno è stata fatta dal primo libro dei Re 8, 54-66 dalla presidente del consiglio esecutivo, la signora Henriette Mbatchou.

«Il tempio di Salomone, costruito con mani umane, è dedicato a Dio. Possa Dio dimorare nei nostri cuori oltre le mura costruite da mani umane. I cuori devono essere preparati perché è il vero tempio dello Spirito Santo che lo riceve. Quindi quale sacrificio deve essere fatto? Come il popolo d'Israele, anche noi non siamo perfetti e abbiamo peccato: ci siamo allontanati dal sentiero stabilito per noi. Per fare un'offerta dal nostro cuore, dobbiamo fare il sacrificio di ciò che ci ingombra. Dobbiamo essere in grado di staccarci dalle cose che non onorano Dio: beni materiali, modi di fare cose e abitudini che ci rendono schiavi (bugie, calunnie ...). Dobbiamo lasciare le contaminazioni e non è facile. Quando ami qualcosa, non è mai facile lasciarlo per avvicinarsi a Dio. Ma dobbiamo dedicare un cuore santo, pieno di amore, un cuore di giustizia e carità. È questo cuore che Dio si aspetta da noi, è questo tempio che Dio ci chiede. Ognuno dia il suo cuore a Cristo. La pandemia che stiamo vivendo oggi ha cambiato le nostre abitudini, ci ha alienato da tutti i nostri progetti, dobbiamo capire che anche se proiettiamo aspettative, è solo Dio che le realizza. Dio fornisce tutto a tempo debito. Lui è l'Onnipotente. Possa la grazia di Dio accompagnarci durante queste sessioni del Consiglio Direttivo».

Suzanne Onambele, membro del Consiglio Direttivo, ha guidato la successiva preghiera insieme a Roger Lasmothey, responsabile della gioventù di Cevaa.

«Pregheremo per i nostri lavori e per le vittime di questa pandemia. Che il mondo sia liberato da questo flagello, chiediamo la tua protezione, per la Comunità e per tutti i cristiani del mondo. Lascia che i lavori siano nelle mani del Signore e che la grazia di Dio sia su di noi».

 Come al solito, e sebbene l'esercizio con la videoconferenza fosse più difficile, l'introduzione è stata chiusa con una canzone.

Dopo aver esaminato il verbale del precedente Consiglio esecutivo, tenutosi a Lomé nell'ottobre 2019, questo è stato approvato all'unanimità.

Sono stati stati approvati la verifica dei compiti del Consiglio di Lomé, dove erano state prese 23 decisioni e il verbale delle riunioni dell'Ufficio di presidenza del Consiglio.

Anche il segretario generale della Cevaa, Célestin Kiki, ha presentato il rapporto di attività per il periodo da ottobre 2019 a giugno 2020.

 I membri sono stati quindi in grado di condividere una riflessione sulle conseguenze di Covid-19, dove abbiamo visto emergere ancora di più lo spirito di generosità, servizio, donazione di sé, creatività e anche l'importanza delle tecnologie di comunicazione.  Tutti sono stati in grado di relazionare sulla situazione nella loro Chiesa e nel loro Paese, testimoniando ancora una volta una grande varietà di casi, ma un'unità nel desiderio di aiutare al meglio i più deboli. Perché non condividendo più sistematicamente azioni, preghiere e iniziative prese a livello locale, per l'intera Comunità?

Le discussioni hanno riguardato anche la vita del Segretariato, la sessione di coordinamento dello scorso gennaio, la vita della Comunità, le collaborazioni con i partner e la prossima Assemblea Generale.

Questo primo giorno del Consiglio Direttivo, in questa nuova forma "a distanza", è stato dopo tutto una giornata di lavoro quasi ordinario. Tutti sono stati in grado di esprimersi e scambiarsi idee sulla base dei documenti prodotti dal Segretariato. Il tempo della preghiera è stato vissuto con un'intensità molto particolare in questi tempi difficili.

Tags:

Interesse geografico: