Il sostegno delle femministe protestanti francesi a Anne Soupa

La teologa e biblista cattolica che nei giorni scorsi si è candidata al ruolo di arcivescova di Lione raccoglie la vicinanza delle protestanti transalpine, mentre i vescovi tedeschi rilanciano il dibattito sul diaconato femminile

Il gruppo Orsay, che riunisce donne protestanti femministe francesi, ha ufficialmente espresso il proprio sostegno alla teologa cattolica Anne Soupa, che il 25 maggio ha annunciato la volontà di candidarsi a arcivescova di Lione. Un'iniziativa senza precedenti in ambito cattolico.

«Anne Soupa ha compiuto questo gesto per far avanzare la riflessione sul ruolo delle donne nella sua chiesa, la Chiesa cattolica. Non è compito nostro esprimere un'opinione su un’ attitudine di una chiesa sorella o dare un giudizio sul posto delle donne nella Chiesa cattolica, anche se sentiamo le voci di colleghi e amiche che soffrono» sottolinea la teologa battista Valérie Duval-Poujol, membro del gruppo Orsay. Che aggiunge: «Ripenso alla parabola di Gesù sulla pagliuzza e la trave. Nelle nostre chiese protestanti, specialmente evangeliche, abbiamo a nostra volta molto da evolvere riguardo al ruolo delle donne».

Questo è esattamente ciò su cui il Gruppo Orsay ha lavorato sin dalla sua creazione nel 1981. Si presenta come l'erede del Movimento delle Giovani Donne ed è membro della Federazione protestante di Francia. Descrive la sua azione come segue: «Donne protestanti, cerchiamo, con credenti di altre fedi e altre religioni, di approfondire i legami tra il nostro femminismo e la nostra fede ... Insieme, vogliamo continuare questo lavoro attraverso incontri, letture condivise, studi biblici».

Ecco il testo integrale della lettera:

«Cara Anne,

Vogliamo dirti brava!

Brava per questa candidatura seria e ponderata all'Arcivescovado di Lione. Molti di noi ti conoscono bene e apprezzano molto il tuo lavoro di studiosa biblica e teologa. Siamo felici quando si presentano le opportunità di lavorare insieme tra il Gruppo Orsay e il  “Comité de la Jupe” - “Comitato della gonna”- questo spazio in cui eserciti un ministero di parola, istruzione e responsabilità, come è stato anche fino ad ora con la Conferenza dei battezzati e delle battezzate di Francia. 

La tua candidatura sembra essere sentita da alcuni nella Chiesa cattolica in Francia come una pietra lanciata nello stagno o come un successo mediatico. Molti di noi sono stati in grado di parlarti negli ultimi giorni, sappiamo che questo atto è per te una pietra miliare di speranza e consolazione nei confronti della tua Chiesa. Ti incoraggiamo.

Ti auguriamo ogni bene con questo impegno nella Chiesa cattolica in Francia. Siamo stati felici di leggere negli ultimi giorni le chiamate per il ministero femminile nella Chiesa cattolica da parte dei vescovi tedeschi.

Guardando la nostra storia protestante, sappiamo quanto serva una persona coraggiosa, una donna di speranza, per far avanzare la storia. Anche nelle Chiese risultanti dalla Riforma - protestante, anglicana, evangelica - in cui il ministero femminile è stato riconosciuto da 10, 30, 50 o anche 100 anni, resta ancora un lavoro considerevole da fare o da riprendere riguardo al riconoscimento della leadership delle donne nelle nostre Chiese . Anche la recente crisi della chiesa protestante riformata in Svizzera sembra indicarlo. La lotta contro il sessismo strutturale in molte delle nostre istituzioni ecclesiali non è una lotta per il posto delle donne nelle Chiese, ma un'opera radicata in una visione della Chiesa come comunità di uomini e donne.

Non abbiamo quindi lezioni da insegnare. Riceviamo la tua candidatura come incoraggiamento a continuare a lavorare nelle nostre stesse chiese. 

Cara Anne, Dio ti benedica. Non vediamo l'ora di incontrarti per continuare il nostro lavoro comune. A Dio piacendo a Lione, se non a Parigi. Stiamo scrivendo questa lettera mentre abbiamo appena celebrato la Pentecoste, la venuta dello Spirito sia per gli uomini che per le donne, senza distinzioni, perché siano testimoni insieme della Buona Novella. Possa lo Spirito rinnovare la nostra forza su questo cammino!».

Interesse geografico: