«Stop alle separazioni familiari ai confini degli Stati Uniti»

Accorato appello rivolto al presidente Trump da parte della PcUsa, la Chiesa presbiteriana, principale chiesa riformata degli Stati Uniti

J. Herbert Nelson, che ricopre il ruolo di Stated Clerk, il responsabile esecutivo dell'Assemblea generale della Chiesa presbiteriana (PcUsa), la più ampia chiesa riformata degli Stati Uniti chiede al presidente Donald Trump e ad altri leader federali di cambiare direzione nel modo in cui vengono trattate le famiglie di immigrati che attraversano il confine degli Stati Uniti. In una lettera indirizzata al presidente Trump, al Dipartimento di sicurezza nazionale (Dhs), al procuratore generale degli Stati Uniti William Barr e ai membri del Congresso, il reverendo J. Herbert Nelson, chiede che la pratica della separazione familiare si concluda.

«È impossibile credere che come paese costruito sull'accoglienza e l'ospitalità, avremmo messo in atto tali politiche e poi trascurato la necessità di correggere azioni errate», si legge nella lettera. «La separazione familiare è una politica crudele ed eccessiva che deve finire. Le famiglie devono essere riunite».

Nelson afferma di aver appreso negli ultimi mesi che altri bambini, compresi quelli di età inferiore ai cinque anni, erano ancora separati dalle famiglie al confine meridionale degli Stati Uniti.

«Esorto il presidente a utilizzare tutte le risorse disponibili per consentire al Dipartimento della sicurezza interna di identificare e aiutare la riunificazione di bambini e famiglie separati», afferma. «Esorto il Dhs ad aumentare la formazione e l'uso di agenti qualificati di pattuglia doganale e di frontiera per fornire assistenza nell'identificazione e nel trattamento adeguati dei richiedenti asilo».

Nelson ha anche invitato il Congresso a approvare una legislazione che ripristinerebbe l'impegno della nazione a una risposta umanitaria alla crisi, con particolare attenzione ai diritti dei richiedenti asilo negli Stati Uniti.

«Come figli di un Creatore benevolo e potente, dobbiamo rispondere con misericordia e Amore», ha detto Nelson. «Leader di questo paese, potete essere una voce radicata nell'amore e nella misericordia radicali. Vi invito ad agire per essere quelle voci. Un bambino ci guida».

Ecco l’intero testo della lettera:

«Caro Presidente,

Come massimo rappresentante ecclesiastico della Chiesa presbiteriana (U.S.A.), una chiesa di 1,5 milioni di membri, ti esorto a impegnarti per il lavoro di ricongiungimento dei bambini separati dalle loro famiglie al confine meridionale degli Stati Uniti a causa delle politiche sull'immigrazione. In questi mesi abbiamo appreso che altri bambini, compresi quelli di meno di cinque anni di età, erano separati dalle loro famiglie. È impossibile credere che, in quanto paese fondato sull'accoglienza e l'ospitalità, attueremmo tali politiche e ignoreremmo la necessità di correggere azioni errate. La separazione familiare è una politica crudele ed eccessiva che deve finire. Le famiglie devono essere riunite.

Abbiamo celebrato da meno di due mesi il Natale nel calendario cristiano. Mentre riflettiamo sulla nascita di Cristo, ricordiamo come Dio è venuto in questo mondo. Dio, il pienamente divino, decide di diventare pienamente umano per comprendere la sofferenza e la fragilità del mondo. Attraverso la nascita incarnata, Dio non sceglie di unirsi a una famiglia ricca, ma si unisce a una famiglia umile e fedele di Nazaret. Gesù giunge in una famiglia che è sotto il controllo di uno stato romano oppressivo. Per sfuggire al genocidio promosso dallo stato, fuggono in Egitto. Il nostro salvatore e la sua famiglia sono entrati in Egitto come rifugiati. In che modo questa storia ci chiama a relazionarci con coloro che oggi arrivano al nostro confine in cerca di sicurezza, protezione e stabilità?

Esorto il presidente degli Stati Uniti a dirigere gli ufficiali dell'immigrazione affinché cessino di separare le famiglie al confine tra Stati Uniti e Messico. Esorto il presidente a utilizzare tutte le risorse disponibili per consentire al Dipartimento della sicurezza interna di identificare e aiutare la riunificazione di bambini e famiglie separati fra loro. Esorto il segretario ad interim Chad Wolf del Dipartimento della sicurezza nazionale (Dhs) a cessare l'uso della separazione familiare come politica di contrasto e esorto il Dhs a cessare l'uso delle limitazioni all’ingresso e dei protocolli di protezione della migrazione alla frontiera e tornare ai livelli precedenti di ingresso per richiedenti asilo negli Stati Uniti. Esorto il Dhs ad aumentare la formazione e l'uso di agenti doganali e di pattuglia di frontiera qualificati per fornire assistenza nell'identificazione e nel trattamento adeguati dei richiedenti asilo. Chiedo ai leader del Congresso di approvare una legislazione che ripristini l'impegno della nostra nazione a una risposta umanitaria a questa crisi proteggendo i diritti dei richiedenti asilo negli Stati Uniti, proteggendo fedelmente l'accesso al giusto processo, la rappresentanza legale e l'uso di alternative alla detenzione.

Dio ci ha portato attraverso i deserti fino alla terra promessa. Siamo stati liberati. Poiché Dio ci ha portato tutti, da bambini, in questo posto, cosa vuole Dio per noi adesso? L'amore di Dio è un amore che non conosce limiti e non sarà fermato da alcun confine. Come figli di un Creatore benevolo e potente, dobbiamo rispondere con misericordia e amore. Leader di questo paese, potete essere una voce radicata nell'amore e nella misericordia. Vi invito ad agire per essere quelle voci. Un bambino ci guida».

Interesse geografico: