Ginevra, prove di ecumenismo

Per la prima volta dall'avvio della Riforma protestante i cattolici celebreranno una messa nella cattedrale Saint-Pierre

Per la prima volta dai tempi dell’avvio della Riforma protestante, i cattolici celebreranno una messa nella cattedrale di Saint-Pierre.

Nell'agosto del 1535, la messa fu abolita a Ginevra dopo che gli iconoclasti devastarono la cattedrale di Saint-Pierre rompendo statue e lacerando immagini che non erano conformi al nuovo culto riformato. Da allora, nessuna messa ha avuto luogo nell'edificio, usato per il culto protestante. Un lungo periodo che si concluderà sabato 29 febbraio 2020, con una messa celebrata, alle 18.30, da Pascal Desthieux, vicario episcopale del Cantone di Ginevra.

Questa proposta senza precedenti della parrocchia protestante di Saint-Pierre-Fusterie è nata da un lungo dibattito a seguito di una cerimonia ecumenica. L'idea è poi "maturata" nel Consiglio Parrocchiale, che ha votato a favore. «Non c'è stata opposizione, il che è significativo. L'idea è piaciuta perché corrisponde al nostro desiderio di rendere la cattedrale un luogo di incontro per tutti i cristiani di Ginevra. Uno spazio che trascende i confini denominazionali», afferma Daniel Pilly, presidente del Consiglio riformato della chiesa Saint-Pierre.

Due precedenti

Se i cattolici romani non hanno celebrato da soli una messa a San Pietro per quasi 500 anni, hanno comunque preso parte a cerimonie ecumeniche. Da parte loro, i luterani sono stati autorizzati a celebrarvi le confermazioni dei loro catecumeni la domenica di Pentecoste, quando il tempio della Madeleine dove officiavano tradizionalmente era stato chiuso temporaneamente per i lavori di rimozione dell'amianto. Gli anglicani sono anche venuti, per diversi anni, a intonare canti natalizi nella cattedrale.

Se i cattolici romani saranno a casa loro a Saint-Pierre il 29 febbraio, questo sarà anche il caso dei protestanti, che, come tutti i cristiani, saranno benvenuti in questa messa e accolti nella comunione. «Ciò non è niente di speciale a Ginevra in quanto è già praticato localmente in molte parrocchie durante le celebrazioni ecumeniche in cui protestanti e cattolici si invitano a vicenda alla Cena del Signore e alla comunione», ricorda Daniel Pilly.

Clima favorevole e fertile

Questo invito deriva anche da ottime relazioni, piene di fiducia, stabilite da diversi anni con Pascal Desthieux. «È un segnale che il clima a Ginevra è estremamente favorevole e fruttuoso con la Chiesa cattolica romana. Abbiamo compiuto notevoli progressi in termini di ecumenismo, in particolare con la Dichiarazione congiunta, firmata nel 2017, che riconosce i nostri rispettivi ministeri», ha affermato Emmanuel Fuchs, presidente della Chiesa protestante di Ginevra e anche pastore di Saint-Pierre. Per Daniel Pilly come per Emmanuel Fuchs, anche se le differenze tra protestanti e cattolici rimangono notevoli, ciò che le unisce è molto più importante. «È un forte segno che stiamo dando “prestando” la nostra cattedrale, una volontà di aprirci, di mettere insieme la Chiesa, di portare il Vangelo e di rendere testimonianza del nostro amore per Cristo. Come ha detto Papa Francesco, l'ecumenismo si ottiene camminando. Stiamo cercando di camminare insieme nella speranza che quando avremo camminato abbastanza, gli ostacoli che oggi ci sembrano insormontabili non lo saranno più», conclude Emmanuel Fuchs.

 

Traduzione da Protestinfo.ch
Foto: cattedrale di Saint-Pierre

Interesse geografico: