Organizzazioni di fede ricorrono contro i muri alzati negli Stati Uniti

Negli Usa un giudice dovrà valutare se fermare il limite di reinsediamento di rifugiati voluto dall'amministrazione Trump

Mercoledì 8 gennaio un giudice federale ha convocato un avvocato del governo per spiegare perché il presidente Donald Trump abbia firmato un ordine esecutivo che consente ai governi locali dei singoli stati che formano gli Usa di respingere i rifugiati, chiedendo se il cambiamento sia stato motivato politicamente.

Il giudice distrettuale americano Peter Messitte nel Maryland ha dato così seguito a una richiesta da parte di tre agenzie nazionali che si occupano di reinsediamento di persone rifugiate per un'ingiunzione preliminare che al momento ha impedito all'amministrazione Trump di far rispettare le nuove direttive.

Le tre agenzie sono la Hias (Società ebraica di aiuto ai migranti), la Cws, Church world service, organizzazione sociale che raggruppa 37 chiese o comunione di chiese cristiane nel mondo, e infine il Servizio rifugiati e migranti della Federazione luterana mondiale.

Le organizzazioni hanno anche chiesto un'ingiunzione per fermare temporaneamente l'ordine che richiede ai funzionari statali e locali di dare un consenso scritto in anticipo affinché i rifugiati possano essere reinsediati nelle loro giurisdizioni.

Durante l’audizione, il giudice ha affermato che l'ordine del presidente ha sostanzialmente modificato una legge federale che regola il reinsediamento dei rifugiati: «Con quale autorità agisce il presidente?» Messitte ha chiesto all'avvocato del Dipartimento di Giustizia Bradley Humphreys.

Humphreys ha affermato che il Refugee Act del 1980 dà al presidente «ampia autorità» per apportare un tale cambiamento.

«Perché cambiarlo adesso?» ha incalzato Messitte. «È puramente una questione politica?»

Humphreys ha replicato che l'ordine esecutivo è progettato per migliorare il coinvolgimento di funzionari statali e locali nel processo di reinsediamento dei rifugiati. Ma ha insistito sul fatto che non dà loro un "veto" sulle decisioni di reinsediamento.

L'amministrazione Trump ha annunciato a novembre che le agenzie di reinsediamento devono ottenere il consenso scritto da funzionari statali e locali in qualsiasi giurisdizione in cui desiderano aiutare a reinsediare i rifugiati oltre giugno 2020.

«In pratica non è affatto chiaro come potrebbe essere altro se non un veto», ha dichiarato agli organi di stampa statunitensi Linda Evarts, avvocato di una delle agenzie di reinsediamento che ha fatto causa a novembre. «Quando vediamo come funziona nella pratica, o come supponiamo che funzionerà nella pratica, può significare solo un veto».

La maggior parte dei governatori dei 50 Stati che formano gli Usa ha già comunicato di voler proseguire nell’accoglienza, ma in queste settimane si stanno sommando vari casi di contee locali che hanno votato invece per l’opposto, per chiudere completamente le proprie porte. Quest'anno, il presidente Trump ha fissato questo a soli 18.000 rifugiati il limite di accessi negli Stati Uniti- un minimo storico - rispetto ai 110.000 durante l’ultimo mandato di Barack Obama.

La sentenza del giudice è prevista per il prossimo 17 gennaio.

Interesse geografico: