Giustizia, dignità e speranza

A Ginevra una formazione per la difesa dei diritti delle donne

«Si tratta di giustizia, dignità e speranza per queste donne», conclude Sophia Marcia Reyes. La giovane donna lavora per la Federazione Luterana Mondiale (Lwf) in Honduras ed ha appena partecipato a un seminario Lwf sui diritti delle donne.

Lei ed altre 39 donne provenienti da Africa, Asia, Europa e Americhe hanno ragionato sulla Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle donne (Cedaw), hanno discusso della situazione dei diritti umani delle donne nelle loro regioni e si sono esercitate sugli strumenti di difesa da usare per raccogliere dati e compilare rapporti per le Nazioni Unite.

«Nella nostra regione, siamo molto preoccupate per la situazione delle donne che difendono i diritti umani», afferma Reyes. Per le donne parlare contro l'ingiustizia è particolarmente pericoloso. «Coloro che difendono i diritti delle donne affrontano gli stessi tipi di rischi di qualsiasi difensore dei diritti umani, ma, essendo donne, sono esposte a minacce specifiche di genere e alla violenza di genere», afferma Cristina Rendón, assistente del programma Gender Justice e Women's Empowerment della Federazione luterana.

«Molte attiviste sono percepite come individui che sfidano i valori tradizionali e la loro leadership può essere sentita come una messa in discussione dei ruoli di genere nella società, specialmente quando si concentrano sui diritti relativi alla giustizia di genere. La violenza e le minacce contro le loro famiglie sono spesso utilizzate per scoraggiarle ad ottenere i loro diritti.  In alcuni contesti, soffrono anche l'esclusione e l'ostracismo dalle loro controparti maschili», aggiunge Rendón.

La violenza e la discriminazione nei confronti delle donne continuano a rappresentare un problema in tutti i continenti, anche nel caso in cui gli Stati hanno leggi intese a garantire l'uguaglianza. Le donne del Nord Europa hanno detto di sentirsi insicure quando camminano da sole di notte, una partecipante latinoamericana ha riportato testimonianze di una generale discriminazione nei confronti delle donne nei colloqui di lavoro. In una sessione di giochi di ruolo sono emersi problemi legati a eredità, proprietà e diritti riproduttivi, ma anche violenza domestica e svantaggi per le donne delle famiglie povere.

Oltre a approfondire la conoscenza del sistema delle Nazioni Unite e gli strumenti e le tecniche applicate, le partecipanti hanno anche discusso su come relazionarsi con leader religiosi, autorità e altri attori della società civile, in quanto potrebbero essere preziosi alleati - o ostacoli, come spiega Rendón. «La violenza contro le donne si verifica spesso nel contesto familiare – ha detto – e le questioni familiari passano molto spesso attraverso le chiese. Anche il matrimonio e l'eredità in molti paesi sono un affare esclusivamente religioso».

Le chiese quindi possono svolgere un ruolo cruciale quando si tratta di emancipare le donne. Christine Löw, membro dell’Onu a Ginevra, ha indicato i circoli religiosi populisti e conservatori come uno dei maggiori ostacoli all'emancipazione delle donne. «Alcune resistenze sono basate sulla fede. Dobbiamo essere molto chiari su quale voce di fede mettiamo in tavola», ha affermato Christine Mangale, direttrice del programma presso l'ufficio luterano della comunità mondiale a New York. «Dobbiamo rimanere forti ed essere molto chiari quando le persone usano e abusano della religione».

La formazione inoltre ha preparato il terreno in un modo più personale. Nelle sessioni condivise, i partecipanti di sesso maschile hanno espresso la loro fatica a trovare nuovi modelli nei loro contesti, in cui la paternità e la mascolinità sono ancora spesso associate all'autoritarismo e persino alla violenza.

Abdiaziz Mohamed Hassan, che lavora per Finn Church Aid (la più grande organizzazione finlandese di cooperazione allo sviluppo), era uno dei pochi partecipanti maschi. Il suo paese d'origine, la Somalia, appartiene a coloro che non hanno ancora ratificato la convenzione Cedaw. Parte del suo obiettivo era imparare di più sull'argomento e cercare possibili alleanze per una più forte difesa dei diritti delle donne. Ha anche portato via alcuni apprendimenti personali.  «La nostra società è molto tradizionale; in precedenza, si pensava che noi uomini siamo gli unici responsabili della casa. Ora capiamo che la famiglia è più un progetto condiviso».

Interesse geografico: