La miseria non ha nazionalità

Le chiese tedesche prevedono di inviare navi di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo

«È nostro dovere aiutare le persone le cui vite sono in pericolo, indipendentemente dalle motivazioni della loro condizione». Questa è la ferma convinzione di Heinrich Bedford-Strohm, vescovo della Chiesa evangelica luterana in Baviera, chiesa membro della Federazione luterana mondiale (Flm). «La miseria non ha nazionalità», afferma il vescovo, che è anche presidente del Consiglio della Chiesa evangelica in Germania (Ekd).

Unendo altre organizzazioni in un’ampia coalizione sociale, l’Ekd ha in programma di inviare una nave per salvare i rifugiati che attraversano il Mediterraneo. Il fatto che i rifugiati continuino ad annegare è inaccettabile, secondo Bedford-Strohm. «La nostra chiesa e le sue agenzie diaconali vedono come un imperativo salvare le vite di questi rifugiati», afferma. «L’amore cristiano per il prossimo ci dice di non abbandonare coloro che fuggono dalla guerra e dalla miseria nei loro paesi d’origine e di non lasciarli soffrire lungo il cammino».

Bedford-Strohm ha annunciato la fondazione di un’associazione per raccogliere fondi per l’acquisto e l’equipaggiamento di una nave per le squadre di ricerca e soccorso civili. Questa idea è stata discussa dal Kirchentag, il grande incontro annuale dei protestanti tedeschi, lo scorso giugno a Dortmund.

I partecipanti al gruppo di discussione «Insieme per porti aperti in Europa» hanno approvato una risoluzione che esorta l’Ekd e le sue chiese membro a sostenere attivamente gli sforzi civili per salvare le persone in difficoltà in mare. «Attraverso la raccolta di donazioni per il varo di una nave intendiamo inviare un chiaro segnale di supporto per le operazioni di ricerca e soccorso civili», ha ripetuto Bedford-Strohm di recente. Ha aggiunto che il Consiglio Ekd ha espresso un forte sostegno all’idea quando, il 6 settembre, ha deciso di fondare un’associazione per portare avanti il progetto. Da allora, i piani hanno preso forma: una volta che è stata finanziata ed equipaggiata, la nave deve essere messa a disposizione dell’organizzazione di ricerca e salvataggio Sea Watch.

Secondo il vescovo, l’assistenza alle persone in pericolo di morte nel Mediterraneo è un elemento nella strategia generale dell’azione diaconale delle chiese. La strategia inizia affrontando le cause profonde della migrazione forzata, ad esempio con il programma della Flm «Simboli della speranza», che la Chiesa evangelica luterana in Baviera sostiene. «Nella nostra comunione internazionale di chiese, identifichiamo le persone che vogliono partire per l’Europa e le accompagniamo già nella loro stessa comunità», ha detto Bedford-Strohm. «Simboli della speranza» ha lo scopo di attirare l’attenzione su quelle «opportunità nel proprio paese che possono incoraggiare le persone a rimanere», ha detto Bedford-Strohm. Tuttavia, se queste persone tentano ugualmente il viaggio attraverso il Mediterraneo e incontrano delle difficoltà sulle loro piccole imbarcazioni, non dovrebbero essere lasciate al loro destino. «Ecco perché le navi civili si impegnano in operazioni di ricerca e salvataggio», ha aggiunto.

Bedford-Strohm ha espresso l’auspicio che la nave di soccorso dell’Ekd possa essere commissionata al più presto. Spera che sarà pronta entro la prossima primavera. Prima di ciò, l’associazione formata a tale scopo deve ancora raccogliere fondi per circa un milione di euro, trovare una nave adatta e poi farla salpare nel Mediterraneo.

Foto: IOCC/Apostoli/ACT