Quando la Chiesa restituisce: il caso Wyandot

Dopo più di un secolo la popolazione indigena nordamericana rientra in possesso delle sue terre.

Immaginate di essere costretti a lasciare la vostra casa e tutto ciò che vi è familiare. Immaginate di dover lasciare il luogo in cui siete andati a scuola, in cui vi incontravate con gli amici e dove andavate in chiesa, il luogo dove sono sepolti i vostri antenati. Questa è stata la realtà per 664 Wyandot (in italiano conosciuti come gli Uroni),  quando il governo degli Stati Uniti fece rispettare l'Indian Removal Act(letteralmente “atto di rimozione degli Indiani”) del 1830.

Il 21 settembre scorso, la Chiesa metodista unita (Umc) ha restituito tre acri di terra, tra cui la storica Chiesa Missionaria, alla popolazione Wyandot. I loro antenati affidarono la terra alla Chiesa metodista 176 anni fa alla luce della comune amicizia e fede.

«Oggi è un giorno grandioso per noi», ha dichiarato Billy Friend, presidente della Nazione Wyandot dell'Oklahoma. «Siamo davvero felicissimi di vedere che i metodisti vengono da noi offrendo di restituirci la terra».

Con le lacrime agli occhi, Friend ha accettato l'atto sulla terra dalle mani di Thomas Kemper, segretario generale dei Ministeri Globali della Chiesa metodista unita. Quasi 600 persone si sono alzate in piedi e hanno applaudito mentre i Wyandot di Oklahoma, Kansas e Michigan hanno sollevato grida di gioia. I bambini e i giovani Wyandot - inclusa la principessa Sara Wright  – hanno ballato e gli uomini hanno suonato il tamburo.

La giornata è iniziata presso la Chiesa metodista unita “John Stewart”, con uno sguardo al rapporto tra Wyandot e metodisti. John Stewart nacque nel 1786  in Virginia da genitori di origine mista africana ed europea. Afflitto da malattie per tutta la vita, Stewart ebbe molte difficoltà a viaggiare dalla Virginia all'Ohio. Fu derubato dei suoi beni, beveva pesantemente e combatté anche contro la depressione.

Una notte, dopo aver partecipato ad una riunione del campo metodista a Marietta, Ohio, Stewart ricevette la chiamata da Dio ad essere fedele e parlare di Dio agli altri. Sebbene avesse combattuto la chiamata, promise di impegnarsi nel lavoro missionario tra i nativi americani. Viaggiando per oltre 200 miglia a nord-ovest dell'Ohio, Stewart si stabilì in quello che ora è noto come Upper Sandusky. Iniziò il suo lavoro con la popolazione Wyandot nel 1816.

Fece conoscenza con Jonathan Pointer, un'altra persona di origine africana. Pointer, che viveva con i Wyandot, tradusse i messaggi di Stewart. Ciò sfociò in un'amicizia tra i due, e nella conversione religiosa da parte dei capi Wyandot e delle donne leader nella loro comunità. La Chiesa metodista sostenne finanziariamente il lavoro di Stewart e nominò alcuni missionari per assisterlo. Il suo lavoro e il suo esempio ispirarono la formazione della Società metodista missionaria nel 1820, precursore dell'attuale Consiglio Generale dei Ministeri Globali. Nel 1845, una chiesa metodista (ora nota come Chiesa metodista unita) prese il suo nome in suo onore.

Negli anni '60, fu formato il Comitato di documentazione e storia della Chiesa metodista unita John Stewart, per condividere la storia dei Wyandot e dei metodisti con gli studenti delle scuole pubbliche dell'Upper Sandusky. Nel 2007, gli studenti delle scuole superiori e dei college, insieme ai leader locali e nazionali della Nazione Wyandot, hanno visitato il sito per una giornata di immersione nella lingua, nella cultura e nella storia della popolazione.

«È un onore conoscere e condividere la storia di questo luogo sacro con tutti coloro che lo visitano. Dopo 176 anni chiudiamo il cerchio restituendo la terra ai legittimi proprietari, ha dichiarato il pastore Betsy Bowen della Chiesa metodista unita e membro del Comitato di documentazione e storia. «È un bel giorno per essere un Wyandotte ed è un bel giorno per essere un metodista unito».

Interesse geografico: