Dalla giustificazione alle disuguaglianze, i metodisti mondiali e le sfide dell'oggi

Riunione del comitato direttivo del Consiglio metodista mondiale; molti i progetti e le attività in corso

Le parole sono inadeguate per descrivere il calore dell'accoglienza ricevuto per mano della Chiesa metodista in Messico con musiche, danze, molti sapori del cibo, conversazioni e preghiere. Il comitato direttivo del Consiglio metodista mondiale, ove possibile, si riunisce a fianco delle chiese membro. Riunito in questa occasione a Città del Messico, il Comitato è stato arricchito dalla vita della Chiesa locale e dal dinamico centro storico vibrante di Città del Messico. Il vescovo Moises Morales e il pastore Samuel Murillo, hanno dato un benvenuto particolare prima che l'incontro fosse entrasse nel vivo con il culto e la celebrazione della Santa cena.

Nel suo discorso di apertura, il Presidente del Consiglio metodista, il reverendo coreano Park Jong-Chun, tra le molte altre preoccupazioni, ha osservato: «Viviamo in un “Mondo murato” in cui il 73% del reddito mondiale è di proprietà del 14% della popolazione che sta nell’emisfero Nord mentre il restante 27% del reddito è detenuto dall'86% della popolazione mondiale, che vive nel Sud del mondo. I sei muri principali sono quelli che separano le due Coree, la chiusura dei mari da parte dell’Australia, il muro Stati Uniti-Messico, il recinto di confine a Ceuta/ Melilla in Marocco, il confine Schengen in Europa e il muro della Palestina. È tempo di allontanarsi dal cristianesimo compiacente di queste strategie».

Questa riunione si è concentrata in modo specifico sui cambiamenti climatici e sulla giustizia ambientale. Il segretario generale dei metodisti mondiali, Ivan Abrahams ha citato un rapporto delle Nazioni Unite: «rischiamo uno scenario di “apartheid” sul clima in cui i ricchi continuano ad acquistare provocando aumento di calore e di spreco, mentre il resto del mondo è lasciato a soffrire».  La Chiesa Unita in Svezia ospiterà nel 2021 la 22ª Conferenza mondiale metodista a Göteborg con il tema "On the Move", in movimento. È tempo di iniziare a pianificare la partecipazione. Il Consiglio vuole incoraggiare i giovani a partecipare e ha dato a ogni chiesa membro un posto aggiuntivo nel Consiglio per un giovane. Ora è il momento di pensare a come quella persona sarà abilitata a partecipare. I dettagli della conferenza verranno aggiunti al sito Web non appena saranno disponibili. 

Il Consiglio intrattiene vaste relazioni con altre chiese e agenzie ecumeniche. Rosemarie Wenner, segretaria della sede di Ginevra, ha presentato un rapporto molto dettagliato. Una nota speciale è stata la Consultazione sulla migrazione. Quaranta persone della famiglia metodista hanno lavorato insieme per discernere come le chiese potessero rispondere alle sfide e alle opportunità legate al flusso di persone dal sud del mondo verso il nord. Il rapporto completo, in inglese, è disponibile qui

L’accento è stato poi posto sul 20° anniversario della Dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione (Jddj) nel giorno della Riforma – il prossimo 31 ottobre. A vent'anni dalla prima firma della Dichiarazione congiunta, vi è una maggiore fiducia e apertura nelle cinque comunioni mondiali (Chiesa cattolica romana, Federazione luterana mondiale, Consiglio metodista mondiale, Comunione mondiale delle chiese riformate, e la Comunione anglicana) che l'hanno firmata e ora lavorano in stretta collaborazione, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo del legame tra giustificazione e giustizia e preghiera/culto insieme, come persone che condividono un battesimo comune.

Il messaggio centrale del Jddj è che «solo per grazia, nella fede nell'opera salvifica di Cristo e non per alcun merito da parte nostra, siamo accettati da Dio e riceviamo lo Spirito Santo, che rinnova i nostri cuori mentre ci equipaggia e ci chiama a buon lavoro».

Le dimissioni del pastore Tim Macquiban come presidente del Comitato per le relazioni ecumeniche sono state accolte con profondo rammarico. Il Comitato Direttivo ha nominato il pastore Tony Franklin-Ross come Presidente fino alla prossima riunione del Consiglio.

E’ stato illustrato il progetto "Chiese amiche dei bambini" in collaborazione con il Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) e l'UNICEF. 

Il comitato interreligioso ha riferito in merito al pellegrinaggio in Giordania, Palestina e Israele che ha permesso ai partecipanti di dialogare con persone e gruppi locali, con particolare attenzione all'uso dell'acqua e al processo di pace interreligiosa nella regione. Il Comitato propone di ripetere il pellegrinaggio durante la settimana delle Nazioni Unite per l'armonia, dal 2 al 7 febbraio 2020.

Il Consiglio ha inviato saluti, assicurando le preghiere della famiglia metodista, al Consiglio di Hong Kong della Chiesa di Cristo in Cina e della Chiesa metodista di Hong Kong alla luce delle proteste in corso a Hong Kong.

Quattro membri del dipartimento degli affari religiosi del governo messicano si sono incontrati con il Consiglio per un dialogo produttivo. Il focus: costruzione della pace, diritti umani e costruzione della tolleranza tra diversi gruppi in Messico.

L'Ufficio Ecumenico Metodista di Roma (MEOR) è attualmente occupato da un incaricato provvisorio. La descrizione del lavoro è stata rivista e la posizione sarà pubblicizzata con una data di inizio per il nuovo incaricato di settembre 2020.

Interesse geografico: