Con i dazi di Trump verso la Cina anche la Bibbia è più cara

Allarme degli editori statunitensi: le nuove tasse sui prodotti importati comporteranno un aumento dei prezzi dei testi biblici, stampati in larga parte in nel grande Stato asiatico

Con le nuove tariffe sui prodotti cinesi volute da Trump, il prezzo delle Bibbie vendute negli Stati Uniti potrebbe impennarsi. Gli editori cristiani degli Stati Uniti suonano l'allarme.

Se il presidente degli Stati Uniti Donald Trump otterrà l'aumento del 25% della tassa di importazione sui prodotti fabbricati in Cina, leggere la Bibbia potrebbe diventare più costoso. Per la società che possiede i due più grandi editori della Bibbia negli Stati Uniti, le tariffe proposte sarebbero equivalenti a una "tassa biblica". Secondo Bloomberg, le tasse proposte da Trump su 300 miliardi di dollari prodotti fabbricati in Cina avrebbero un impatto sui libri e su altri stampati. Le Bibbie, che sono stampate in grande maggioranza in Cina, dal momento che lì si trovano la tecnologia e le competenze specialistiche, non verrebbero risparmiate.

«Riteniamo che l'amministrazione Trump non sia a conoscenza dell'impatto negativo che questi tassi proposti potrebbero avere sull'industria editoriale in generale e che non abbia mai inteso imporre un "Imposta biblica" ai consumatori e alle organizzazioni religiose», ha dichiarato Mark Schoenwald, presidente di HarperCollins Christian Publishing, in una dichiarazione scritta.

«Tuttavia, se i libri stampati, incluse le Bibbie, non vengono rimossi dall'elenco dei dazi doganali cinesi, gli editori ridurranno gli investimenti nelle loro attività, i consumatori e le organizzazioni religiose dovranno pagare di più, e le chiese, le scuole, i ministeri e le organizzazioni senza scopo di lucro avranno meno risorse per educare e far conoscere la Bibbia», ha aggiunto. HarperCollins possiede le edizioni di Thomas Nelson e Zondervan, due dei maggiori produttori di bibbie negli Stati Uniti.

Mark Schoenwald è stato ascoltato da un gruppo di rappresentanti della Commissione Usa del commercio internazionale nel mese di giugno in un'audizione sulla questione delle tariffe proposte. Era accompagnato da Stan Jantz, direttore dell’Associazione degli editori cristiani evangelici. «Il presidente Trump ha proposto una tassa doganale fino al 25 per cento su tutti i prodotti importati dalla Cina», ha detto Jantz all'agenzia di stampa RNS. Libri e Bibbie sono stati generalmente esenti da restrizioni commerciali in passato. E oltre la metà delle 100 milioni di Bibbie vengono stampate ogni anno in Cina, e ciò avviene dagli anni '80 del secolo scorso, ha aggiunto. Di queste, 20 milioni sono vendute o regalate negli Stati Uniti.

La produzione è delocalizzata a causa delle specifiche esigenze di stampa per un libro complesso come la Bibbia. La carta sottile richiesta non può essere utilizzata nella stampa standard, e lo stesso vale per le copertine in pelle, i rilegati, le pagine a colori e gli inserti speciali. Secondo Schoenwald, la maggior parte degli stampatori fuori dalla Cina non ha i macchinari per stampare i testi biblici. Per quanto riguarda quelli che lo fanno, non sarebbero in grado di eguagliare i prezzi della Cina o rispondere ad un aumento della domanda. Secondo il presidente di HarperCollins, nessuna tipografia americana si precipita a reinvestire in queste strutture, perché le tariffe proposte da Trump sono legate a una disputa commerciale con la Cina e potrebbero essere successivamente revocate. 

Una situazione che potrebbe avere un impatto più ampio su tutte le pubblicazioni cristiane e sulla capacità dei ministeri di distribuire Bibbie. Una preoccupazione condivisa da molti membri della Christian Evangelical Publishers Association, secondo Stan Jantz. «L'accessibilità alla Bibbia sarà gravemente compromessa se i testi non saranno esclusi dalle tariffe.

 

Interesse geografico: