Un culto a misura di bambino

Nella domenica dedicata dalle chiese metodiste e valdesi alla Federazione delle chiese evangeliche in Italia, un’attenzione particolare sarà data al Servizio Istruzione Educazione 

Quest’anno la domenica di Pentecoste (9 giugno) sarà dedicata, all’interno del calendario di “collette speciali” proposto dalla Tavola valdese alle chiese metodiste e valdesi, alla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), che unisce, oltre a queste, diverse altre denominazioni protestanti.

È attiva da più di mezzo secolo (è stata infatti creata nel 1967) su più fronti, dai migranti (prima con il Servizio rifugiati e migranti e oggi con Mediterranean Hope), all’ambiente (con la Commissione Globalizzazione e Ambiente, Glam), al dialogo interreligioso e i rapporti con lo Stato (con la commissione Ccers) all’educazione, con il Servizio istruzione ed educazione (Sie). 

In particolare, la colletta del 2019, come già si è fatto negli ultimi anni e come è stato riconfermato per il prossimo triennio, sarà dedicata proprio a quest’ultimo, con la proposta di una liturgia “a misura di bambino”. Curata dal pastore valdese Gregorio Plescan, è stata “sperimentata sul campo” in occasione della festa delle scuole domenicali del I Circuito (val Pellice) di quest’anno, tenutasi a Bobbio Pellice e incentrata sul tema delle emozioni e dei sentimenti: rabbia, serenità, timidezza, curiosità, amicizia. Questi vengono declinati nei vari momenti del culto (la rabbia, per esempio, viene abbinata alla confessione di peccato), che viene accompagnato dall’immagine di un labirinto in cui si possono osservare quali sentimenti portano a un “vicolo cieco” e quali invece aprono delle vie d’uscita. I materiali possono essere richiesti scrivendo un’email a: sie@fcei.it.

Nella lettera inviata dal presidente della Fcei, pastore Luca M. Negro, e dalla pastora tenente dell’Esercito della Salvezza Ilaria Castaldo, consigliera delegata per il Sie, per presentare questi materiali e le attività svolte dal Servizio negli ultimi anni, viene sottolineata la «massiccia riorganizzazione del lavoro all’interno del Comitato e della redazione della rivista», in seguito alla quale, oltre a cercare canali per ampliare gli ambiti di distribuzione della rivista, «si punta a un maggior coinvolgimento di tutte le realtà rappresentate dalla Federazione, tenendo conto delle disponibilità di collaborazione a titolo volontario, sia come singoli sia come gruppi di lavoro, e delle esigenze rappresentate dalle scuole domenicali delle chiese federate». Per questo sono particolarmente ben accetti suggerimenti e idee, ogni contributo è importante! 

Il Sie, oltre alla rivista semestrale La scuola domenicale, che (come ricordano Negro e Castaldo) «viene utilizzata dalle scuole domenicali italiane, dalle monitrici e dai monitori e anche dagli insegnanti di religione evangelica della Svizzera italiana», produce materiali per bambini, organizza eventi di formazione biblica e di aggiornamento, collabora con organizzazioni (per esempio Biblia: abbiamo parlato più volte, per esempio qui, dei concorsi realizzati nelle scuole su temi specifici all’interno di «Bibbia e Scuola») nella promozione della conoscenza della Bibbia nelle scuole attraverso un approccio non confessionale e interdisciplinare. 

Per quanto riguarda le sue attività più recenti, ha curato per l’editrice Claudiana le Mappe bibliche per imparare giocando, un set di quattro cartine tematiche realizzate su supporto cartaceo plastificato con sticker riposizionabili, prodotte col contributo dell’8 per mille battista, e il cd Da bimbo a bimba. Canti di ieri e di oggi, dedicato al recupero e alla rilettura del patrimonio musicale per bambini della tradizione protestante, grazie al contributo dell’8 per mille metodista e valdese. Ora è impegnata nella realizzazione di una versione in lettura facilitata del Vangelo secondo Marco per bambini e bambine con disturbi specifici dell’apprendimento, che sarà pubblicato da Giunti Edu in 2000 copie. 

Tags:

Interesse geografico: