Un'app contro le mutilazioni genitali

Una ragazza sostenuta dall'associazione Compassion ha ideato una soluzione digitale per salvare le adolescenti in pericolo

Tutto accade nel segreto della notte. Il copione è quasi sempre lo stesso. È periodo di vacanza, il collegio è chiuso e una ragazza torna al villaggio per rivedere la sua famiglia. È contenta ma allo stesso tempo terrorizzata. Sa che è il suo momento: ha 13 anni ed è la stagione della circoncisione. Lei vorrebbe continuare ad andare a scuola, ma i suoi genitori hanno un altro piano per lei.

Ascolta attentamente le conversazioni in casa, cercando di capire in quale notte avverrà, sperando di riuscire a scappare, aiutata dal buio, prima che arrivi la “Signora con il coltello”. 

Questa è la paura di molte ragazze che vivono nei villaggi rurali del Kenya: anche se illegale, un quarto delle donne keniote ha subito questa terribile pratica. Oltre all’impatto fisico e psicologico dell’atto, le ragazze che subiscono le mutilazioni difficilmente finiscono la scuola e sono costrette a ripiegare su matrimoni in età adolescenziale.

Synthia, una ragazza del Kenya, ha vissuto molto male il “cambiamento” avvenuto nella vita di una sua amica. «Era una ragazza generosa ed estremamente intelligente, piaceva a tutti. Eravamo molto amiche» dice Synthia. «Purtroppo dopo la mutilazione non è più tornata a scuola».

Synthia sapeva che doveva fare qualcosa per fermare le mutilazioni. Ma dove può arrivare un’adolescente figlia di un contadino, costretto a sfamare sua moglie e 11 figli con poco più di un euro al giorno? 

Era in procinto di abbandonare la scuola, ma grazie al sostegno di Compassion, l'organizzazione non profit che opera a favore dell'infanzia in difficoltà in molti paesi del mondo, ha imparato ad usare il computer e si è innamorata dell’informatica. «Ho iniziato giocando ai videogiochi, chi avrebbe pensato che in poco tempo sarei finita per sviluppare un’app contro le mutilazioni?».

Insieme a quattro amiche, Synthia ha creato iCut, un’applicazione che permette alle ragazze in pericolo di allertare le autorità. Basta schiacciare un tasto sul cellulare. L’applicazione fornisce anche indicazioni su come raggiungere il centro di aiuto più vicino.

Le cinque ragazze sono state l’unico gruppo africano selezionato da Google e ONU per partecipare in California a una competizione tra sviluppatori che risolvono problemi sociali. «Eravamo molto emozionate», racconta Synthia, «non rappresentavamo solo il Kenya, ma l’intero continente».

Synthia e le sue amiche si sono piazzate al secondo posto e hanno ricevuto un contributo di 10.000 dollari per sviluppare l’app nel proprio villaggio. Oggi viaggiano per il mondo promuovendo i diritti delle ragazze africane.

«Sono grata per il privilegio di essere sostenuta attraverso Compassion» dice. «Attraverso l’amore e la cura degli insegnanti e le preghiere dei miei sostenitori, ho avuto l’opportunità di eccellere nella vita».

Interesse geografico: