Dal 1° marzo cambiano le procedure di asilo in Svizzera

Incertezza e preoccupazione per le nuove norme che promettono di snellire l'iter per l'analisi delle domande di donne e uomini che chiedono di poter vivere su suolo elvetico

Cambiano le procedure di accoglienza. L'idea base della riforma del diritto d'asilo, voluta dall'attuale vice presidente federale e alla guida del Dipartimento Trasporti e Ambiente Simonetta Sommaruga, è di costituire dei centri federali per sbrigare più rapidamente le procedure riguardanti le richieste, rendendo disponibili il più presto possibile i 5mila posti previsti dalla legge. Oggi la durata media delle procedure d'esame è di 278 giorni, anche se l'80% si risolve in 150 giorni. 

Si stabilisce anche che le esigenze dei minori non accompagnati, delle famiglie con bambini e delle persone particolarmente vulnerabili, bisognosi di attenzioni specifiche, debbano essere prese in considerazione ma, al contempo, si riducono i tempi per presentare ricorso.

Questo pacchetto di norme è stavo approvato da un referendum popolare nel 2016 e ora entra nel vivo.

«Nessuno sa esattamente quale sarà l'impatto delle nuove procedure di asilo accelerato. Ci sono molte preoccupazioni», dice all’agenzia stampa svizzera ProtestInter Magaly Hanselmann, direttrice dell’area romanza dell’Entraide Protestante (Eper), la diaconia svizzera. A partire dal primo di marzo, la revisione della legge sull'asilo entrerà in vigore in tutto il paese. I candidati dovranno ora presentare domanda in uno dei sei centri federali dedicati, nei quali potranno essere ospitati fino a 140 giorni, contro i 90 attuali.

Solo quando saranno necessari ulteriori chiarimenti nella pratica in corso, i richiedenti asilo saranno accolti dai singoli Cantoni. La maggior parte del procedimento si svolgerà quindi a porte chiuse nei centri federali, che riunirà tutte le parti coinvolte nella procedura. I richiedenti asilo beneficeranno di una difesa legale gratuita. A loro verrà quindi assegnata una specifica procedura legale: Dublino, accelerata o estesa. La Segreteria di Stato per la migrazione (Sem) prevede che il 60% delle domande porterà a una decisione finale entro la nuova scadenza, compresa l’espulsione dal paese del denunciante respinto. Nella Svizzera francese, è il centro federale di Boudry, nel cantone di Neuchâtel, il punto centrale per la registrazione delle domande. 

Per comprendere meglio le novità, l'Eper ha organizzato una sessione informativa su queste nuove procedure dedicata agli attori in materia di asilo sul terreno, nei diversi cantoni della Svizzera romanda. Era presente Luc Genin, diacono della Chiesa riformata evangelica di Neuchâtel (Eren) e cappellano nel centro di Boudry. «Accelerare le procedure è una buona cosa. I richiedenti asilo non devono più aspettare anni per poi ricevere magari un rifiuto. La cappellania ha pianificato di incontrare regolarmente la Segretaria di Stato Sem, per condividere le nostre osservazioni e paure. Perché se siamo un partner dello stato, abbiamo anche aspetti critici da segnalare, spiega, come ad esempio gli eccessivi controlli nei centri». 

La difesa legale gratuita offerta ai richiedenti asilo nei centri federali è stato l'argomento principe dei sostenitori dell'accelerazione della procedura di asilo. Di fatto, spetterà alla Sem incaricare un fornitore di servizi - Caritas ed Eper i soggetti individuati - per garantire la difesa, sotto forma di una somma forfettaria versata al fornitore, che include il supporto legale durante le diverse fasi della procedura nei centri federali, la presenza alle audizioni, la spiegazione della decisione e possibilmente un appello. «Questa commissione ammonterà a un massimo di 450 franchi per richiedente asilo. Ma ci sono diverse fasi nella procedura. Partecipare a un'audizione richiede in particolare di andare sul posto e arriviamo rapidamente a una giornata di lavoro. Cui sommare il resto della pratica. Come si può dunque supporre che la cifra possa coprire l'intera procedura»?  si inquieta Worries Magaly Hanselmann.

Se la Segreteria non riuscirà a sbrigare la procedura entro 140 giorni, il richiedente asilo è soggetto a una procedura estesa che può giungere fino a un anno. Riguarda casi complessi che richiedono un'ulteriore indagine sul motivo dell'asilo. Il richiedente viene quindi spostato nei centri cantonali. La stima è che il 40% dei richiedenti asilo saranno interessati da tale procedura.

«Attualmente interveniamo quando un richiedente asilo ha ricevuto una decisione negativa dalla Sem. A marzo, interverremo a monte della decisione. Questa è una buona cosa perché possiamo preparare una difesa di qualità. Ma questo è anche un mandato aggiuntivo. Perché parallelamente, dovremo ancora trattare circa 3000 casi sottoposti alla vecchia procedura di asilo e chiuderli entro due anni», afferma Philippe Stern, avvocato del Legal Aid Service for Exiles (Saje), ufficio di assistenza legale dell'Eper nel cantone di Vaud.

Ed è qui che iniziano problemi seri. Una volta fuori dal centro federale, il richiedente asilo non riceve più assistenza legale gratuita. Pertanto, la ricerca di prove, il possibile ricorso e le richieste di ricongiungimento familiare non saranno coperti dalla Sem. «Avremo le risorse umane per adempiere a questo nuovo mandato? Questo tempo destinato a questi nuovi casi non rischia di far trascurare il trattamento di altri casi»? domanda Stern. Attualmente Saje informa e difende i richiedenti asilo in possesso di alcune tipologie di permessi e di candidati respinti assegnati al Cantone di Vaud.

Presenti alla sessione informativa dipendenti e partner della diaconia protestante svizzera che operano nel settore, ma anche la società civile attiva anche con i richiedenti asilo, associazioni di volontariato e chiese, venuti tutto a informarsi ed esprimere le loro preoccupazioni, in particolare per quanto riguarda la precarizzazione dei richiedenti asilo. Si vuole mettere inoltre in discussione le condizioni di vita nei centri per un lungo periodo, l'accesso alle cure e il ruolo della società civile in questi frangenti.

L'Eper stima che il 60% dei richiedenti scomparirà dai radar dopo aver ricevuto una decisione negativa. «La società civile che si è fortemente mobilitata per i richiedenti asilo dovrà riorganizzarsi da sola. I centri federali attorno ai quali sono nati progetti di presenza o di accoglienza sono cambiati», osserva la segretaria dell’Eper per la Svizzera francese. «È essenziale che ci sia un volto umano in queste procedure. Il ritmo del procedimento sarà così veloce che prendere un caffè, prendersi il tempo per parlare, mantenere le relazioni umane diventerà un lusso. Ma la società civile deve giocare questa carta, quella di essere un vis-a-vis umano, anche per permettere alla società di sapere cosa succede in questi centri» conclude Magaly Hanselmann.

Interesse geografico: