Lo sport sui banchi di scuola

Il nuovo liceo scientifico sportivo al Collegio valdese di Torre Pellice

«Mens sana in corpore sano: l’attività fisico-sportiva migliora l’apprendimento cognitivo»: è la premessa del nuovo progetto di Liceo sportivo del Liceo Valdese di Torre Pellice approvato dal Collegio docenti e dal consiglio di istituto il 22 novembre.

«Il Liceo Scientifico Sportivo prevede l’approfondimento delle scienze motorie e sportive e di più discipline sportive all’interno di un quadro culturale che favorisce in particolare l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri delle scienze matematiche, fisiche e naturali nonché dell’economia e del diritto. Il Liceo Sportivo nasce con l’obiettivo di rispondere alle esigenze degli studenti che praticano attività agonistiche, spesso ad alto livello, ma anche di tutti coloro che amano lo sport, aiutandoli a conciliare questa loro passione con l’impegno scolastico e a conseguire così la Maturità scientifica. Il corso conserva infatti il rigore del Liceo scientifico mantenendo inalterato l’impianto formativo relativo alle discipline di matematica, fisica e scienze naturali (biologia, chimica, scienze della terra)», spiega il preside Marco Fraschia.

La radicata tradizione sportiva della val Pellice ha permesso negli anni la costruzione di numerosi impianti sportivi (pista di atletica, piscina, palazzetto del ghiaccio, tennis, ecc.) che verranno utilizzati in aggiunta alle strutture scolastiche. Del resto, già attualmente, fra gli studenti del Collegio vi sono molti ragazzi che praticano attività sportiva di un certo livello. «E abbiamo sempre cercato di venir loro incontro anche nella didattica» chiosa Fraschia.

La proposta didattica include accanto al rafforzamento delle scienze motorie anche l’educazione alla pratica di singole discipline sportive. La pratica sportiva viene vista come un momento centrale nel percorso di formazione dei giovani. La dimensione sportiva viene inserita all’interno di una formazione globale e integrale della persona, centrata sull’aspetto umanistico e su quello scientifico, caratteristici di ogni liceo.

«Ci auguriamo di contribuire a formare ottimi cittadini e buoni atleti: persone aperte al mondo che possano educarsi ai valori fondamentali per la crescita personale anche attraverso la conoscenza e la pratica dello sport» aggiunge il preside.

Il corso di studi offre la possibilità di: conseguire attestati, certificazioni e brevetti professionalizzanti spendibili direttamente nel mondo del lavoro, preparare adeguatamente gli studenti ad affrontare le prove di ingresso universitarie dell’ambito medico-sportivo e i concorsi per le accademie militari, approfondire il rapporto con il territorio, in particolare in relazione alla gestione e all’impatto delle strutture e degli impianti sportivi locali.

Ovviamente il liceo è aperto a tutti, non solo atleti o agonisti; la possibilità che in valle arrivino studenti anche da altri territori è concreta; così è accaduto da poco ad Aosta dove il connubio Liceo linguistico – Società di hockey ha portato in valle alcuni ragazzi da altre parti d’Italia. Così accade da tempo a Bolzano per una iniziativa analoga.

Le attività e le nuove proposte verranno presentate venerdì 14 dicembre dalle ore 17 e con un concerto serale e tutta la giornata di sabato 15 per il tradizionale «Open day».

Interesse geografico: