La speranza guida le chiese irachene

Visita di una delegazione della Comunione mondiale di chiese riformate alle chiese presbiteriane del nord Iraq

La forza della speranza continua a guidare le poche chiese presbiteriane rimaste in Iraq: una delegazione della Comunione mondiale di chiese riformate (Wcrc) ha appena concluso una visita nella regione . «Anche se sono molto pochi, hanno una visione di speranza in cui vedono il loro ruolo nella società come qualcosa di molto vitale», ha detto la pastora Najla Kassab, presidente della Wcrc. La delegazione, composta da rappresentanti della Comunione riformata, del Sinodo Evangelico Nazionale di Siria e Libano, della Chiesa Presbiteriana (Usa) e del Sinodo del Nilo, ha trascorso più di una settimana in visita in compagnia dei leader della Chiesa evangelica nazionale presbiteriana in Iraq (Nepci) che non fa ancora parte della comunità riformata globale,  in tre diverse città. «Uno dei nostri principali obiettivi di questa visita di solidarietà è stato quello di aiutare pastori e anziani a sedersi insieme e iniziare a pensare ai loro bisogni come chiese - e al ruolo che possono svolgere nel sostenersi a vicenda e responsabilizzare il ministero di queste tre chiese"», ha detto Kassab .

Affrontano molte sfide, tra cui la corruzione della società, l'alta emigrazione e lo sviluppo della leadership. Le tre chiese membro del Wcrc in visita hanno offerto assistenza per affrontare alcuni di questi problemi, in particolare lo sviluppo della leadership e la riconnessione al mondo. Queste offerte sono state accolte favorevolmente, così come una forte affermazione di Chris Ferguson, segretario generale della Wcrc: «La speranza prospera attraverso le relazioni».

Farouk Hammo, presidente della Nepci, ha detto che stavano cercando il Wcrc non per il semplice sostegno ai loro programmi di ministero, ma per appartenere a una famiglia globale di chiese in modo da migliorare la loro posizione in Iraq. «Si tratta di costruire ponti con altre chiese, specialmente in Medio Oriente, condividendo il dolore, la visione e la speranza con queste chiese», ha detto Kassab. La presenza di Kassab sia come mediorientale che come donna ha creato un'opportunità inaspettata: è stata invitata a partecipare a una visita del ministero di una chiesa a una prigione femminile a Kirkuk. La chiesa fornisce le necessità di base alle donne incarcerate, insieme a diversi bambini nati nella prigione, tra cui latte, pannolini, caramelle, prodotti da bagno e condizionatori d'aria. «Le prigioniere mi hanno accolto e mi hanno chiesto di sedermi sul materasso sul pavimento vicino a loro. Mi hanno accettato come una di loro anche se per pochi minuti», ha detto Kassab. «Sedermi vicino a loro ha sollevato nella mia mente molte domande di ingiustizia che affrontano le donne. I loro occhi preoccupati mostravano quanto fosse difficile raggiungere le loro anime inquiete. La chiesa di Kirkuk è per loro il segno della speranza, anche a piccoli passi».

Nonostante le loro piccole dimensioni, le tre chiese cittadine gestiscono programmi e progetti estesi. Oltre al ministero penitenziario, il loro lavoro comprende stazioni radio, alloggi per i rifugiati, fornitura di acqua, una palestra comunitaria, asili nido e scuole materne. «Ci hanno interrogato su come comprendiamo la missione della chiesa», ha detto Kassab. «Sentono che continueranno con questo contatto con la società. Abbiamo percepito che i leader sono rispettati dai diversi gruppi che abbiamo incontrato perché erano pronti a vivere la loro fede fuori dalle mura della chiesa».

Alla riunione finale prima di lasciare l'Iraq, la delegazione ha accettato di continuare a coordinare gli sforzi per sostenere il lavoro delle chiese irachene, compresa la possibilità di tenere una consultazione sulla riconciliazione, la pace e la giustizia a Kirkuk, un invito fatto dal governatore della città nord irachena.

 

 

 

Tags:

Interesse geografico: