Le chiese vicino alla Grecia in fiamme

Solidarietà espressa dalla Kek, la Conferenza di chiese europee, alla popolazione ellenica e alle chiese membro

Quella che segue è una lettera di condoglianze che la Conferenza delle Chiese Europee (Kek) ha inviato alle sue Chiese membro (Chiesa di Grecia, Chiesa Evangelica di Grecia) a seguito degli incendi devastanti che hanno causato almeno 91 vittime e molte altre sofferenze.

«La Conferenza delle Chiese Europee si unisce alle voci di sofferenza e dolore del popolo greco mentre affrontano la tragedia apocalittica di incendi mortali e distruttivi sulla penisola attica. Il dolore di questa catastrofe raggiunge comunità in tutto il mondo e le persone in tutto il mondo piangono gli amici e i familiari. Ci uniamo alla preghiera costante con le persone di fede in tutto il mondo per tutte le vittime - bambini, madri e padri, anziani -, per coloro che ancora mancano all’appello e per i feriti da questi devastanti fuochi. Raccomandiamo a Dio tutti coloro che sono toccati da questa immensa perdita.

Attraverso questa tragedia, la Grecia si trova di nuovo nell'epicentro di minacce imminenti per l’umanità e per l'intero pianeta. Gli incendi, intensificati dal riscaldamento globale, sono un sottoprodotto del peccato ambientale e dell'indifferenza agli effetti a lungo termine dei catastrofici cambiamenti climatici causati dall'uomo. In quanto tali, chiamano tutta l’umanità alla corresponsabilità, al pentimento e a un cambiamento nel proprio modo di vivere.

Il peso di questa tragedia è solo aggravato dalla realtà delle misure di austerità imposte alla società greca, compresi i servizi antincendio e di soccorso rivelatisi carenti.

Mentre le comunità colpite tentano di ripartire da questi giorni più bui, le chiese in Europa rimarranno solidali con la vostra Chiesa e il suo popolo».

Interesse geografico: