Sentirsi benedetti dalla grazia di Dio

Un giorno una parola – commento a Giovanni 1, 16

Il Signore aprirà per te il suo buon tesoro, il cielo, per dare alla tua terra la pioggia al tempo giusto, e per benedire tutta l’opera delle tue mani
Deuteronomio 28, 12

Infatti, dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto grazia su grazia
Giovanni 1, 16

Ringraziamo il Signore per ciò che riceviamo ogni giorno! Impariamo a riconoscere che la nostra vita non dipende solo da noi, dalle nostre capacità e dal nostro impegno. Il Signore ci guarda e la sua misericordia ci sostiene ogni minuto della nostra vita. Come mai ci risulta difficile comprenderlo? Forse perché l’amore non è visibile anche se ci circonda come l’aria, forse perché il nostro egoismo prevale sulla nostra riconoscenza, forse perché diamo per scontato gran parte delle cose che abbiamo e ci sembra naturale che la nostra vita sia quella che è. Dovremmo, invece stupirci ogni qual volta apriamo gli occhi alla mattina perché un nuovo giorno ci aspetta con dolori, gioie, preoccupazioni e momenti di piacere.

Perché ogni vita è unica e preziosa, tutta da vivere in ogni istante con consapevolezza e attenzione. Non c’è un minuto perso, un istante senza senso, ma un susseguirsi di momenti che non potranno più ripetersi uguali. Ognuno importante per se stesso. Riconoscere che la grazia del Signore vive in noi e ci benedice ogni giorno, ci rende capaci di apprezzare tutto ciò che ci viene dalla vita, il bello e il brutto.

Ci porta anche a rinnovarci, a intraprendere il cammino della fede e a lasciare alle nostre spalle i nostri errori per non commetterli mai più. Sentirsi benedetti dal Signore ci aiuta ad affrontare con forza e coraggio ogni avversità e ci rende capaci di umiltà e rispetto verso gli altri. Diventare consapevoli di essere benedetti dal Signore può essere la vera rivoluzione della nostra vita perché ci porta a voler mettere in pratica gli insegnamenti di Gesù in ogni dove e in ogni occasione.

Interesse geografico: