“Magnituto 5.5” la simulazione del terremoto

Si è conclusa a Pinerolo, Perosa Argentina e Luserna San Giovanni la simulazione del terremoto di 5.5 gradi della scala Richter nel pinerolese. Il video dell'esercitazione da Luserna

È stata un’esercitazione in grande stile quella iniziata martedì 14 giugno e terminata ieri pomeriggio. A essere coinvolto è stato il territorio piemontese con particolare «riguardo» per Luserna San Giovanni. «Magnitudo 5.5» è il nome di questa esercitazione che ha toccato centinaia di persone che hanno simulato appunto un terremoto con epicentro a Luserna San Giovanni, comune posto in una delle zone a maggior rischio sismico della Regione e già protagonista, suo malgrado, di un disastroso terremoto nel 1808.

Siamo andati a vedere da vicino il cuore pulsante dell’emergenza, la sede della Protezione Civile nella frazione San Giovanni, dove si sono concentrate le maggiori energie di questo terremoto simulato. A fianco della sala operativa di comando (dove trovano spazio Vigili del Fuoco, Soccorso 118, Soccordo Alpino, Polizia Municipale) si è installata l’unità di crisi, con tecnici provenienti anche da altre regioni italiani. Inoltre gli uffici comunali si sono spostati in questo luogo, simulando il crollo del Municipio ma garantendo quindi i servizi essenziali alla popolazione.

Nei prati a ridosso della struttura sono stati posizionati due campi «virtuali» provenienti con una colonna mobile da Lombardia e Liguria e capaci di ospitare 500 persone.

Guarda il video con i dettagli dell'esercitazione e delle operazioni d'emergenza

Uno dei momenti più complessi della simulazione è stata l’evacuazione di una casa di riposo, l’Asilo Valdese per persone anziane di Luserna San Giovanni. Anche in questo caso, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Croce Rossa e infermieri hanno testato la complessa macchina dei soccorsi che si è dovuta confrontare con persone anziane e con gravi problemi di deambulazione.

Ovviamente anche in questo caso per non destabilizzare gli ospiti della casa di riposo si è provveduto a coinvolgere dei figuranti, ma l’intervento nella struttura ha comunque visto interessate diverse persone e diversi enti.

Ha funzionato quindi il collegamento fra il territorio e gli enti superiori. «Abbiamo testato la catena di comando – ci ha detto Diego Cogno, comandante della Polizia Municipale di Luserna e responsabile della Protezione Civile – e siamo riusciti a comunicare con Roma in tempi rapidi. Questo ci ha permesso di inoltrare delle richieste di aiuto in settori che noi non riuscivamo a coprire (un esempio: un interprete cinese, scovato in Città Metropolitana, visto che sul nostro territorio la comunità cinese è molto presente ed è necessaria la sua presenza in un momento di crisi). Ovviamente non tutto ha funzionato alla perfezione ma era proprio questo l’obiettivo. Ora abbiamo un protocollo di intervento».

Guarda le foto

Immagini: Samuele Revel

Interesse geografico: