Diverse fedi sotto lo stesso tetto

L’importante servizio svolto dalle scuole della prima infanzia, gestite dalla Chiesa evangelica luterana in Eritrea (Elce)

Seduti in cerchio sul pavimento, circa 30 ragazze e ragazzi di diversa estrazione religiosa, e di età compresa tra i quattro e i sei anni, ascoltano con entusiasmo l’insegnante Almaz Tesfaldet che legge un libretto di storie della Bibbia. La maggior parte sono ortodossi, il resto luterani, cattolici o musulmani. Frequentano la scuola materna pomeridiana della Chiesa Evangelica Luterana di Eritrea (Elce) nella capitale Asmara. «Vogliamo che i bambini conoscano Dio e l'amore che Egli ha per i piccoli», spiega Temesghen Berhane Zecharias, segretario generale della Elce.

L’Eritrea soffre ancora gli effetti del trentennale conflitto per l'indipendenza dall'Etiopia, che si è concluso nel 1991. Inoltre, le sanzioni imposte dalle Nazioni Unite dal 2009 aggravano la situazione di vita degli eritrei, della maggior parte dei quali vivono di agricoltura.

Circa la metà della popolazione eritrea - composta da 5 milioni di persone - è ortodossa; il 47 per cento è musulmana e il restante tre per cento appartiene alla chiesa luterana o cattolica. Questi sono i quattro gruppi religiosi ufficialmente riconosciuti nel paese dove vi sono anche altre comunità di fede.

Anche se la chiesa luterana è piccola, ha una lunga tradizione in Eritrea, dove è presente dal 1866. I suoi servizi diaconali includono scuole della prima infanzia «che sono una parte integrante del nostro lavoro di sviluppo della comunità», dice il presidente della Elce, rev. Simon Ghebrekristos .

Tra 300 e 400 bambini sono iscritti nelle sette classi della scuola materna di Asmara, gestita da sette insegnanti donne. Tre altre scuole materne della Elce offrono il proprio servizio a famiglie in villaggi remoti nelle zone settentrionali, occidentali e meridionali del paese.

La Federazione luterana mondiale (Flm) sostiene gli asili dal 2011. La fase del progetto 2016 - 2018 prevede un contributo totale di 30.000 euro.

L'obiettivo della chiesa è di rispondere alle esigenze dei genitori che non possono permettersi di pagare le costose rette delle scuole private. Complessivamente, le scuole hanno quasi 600 bambini, tra maschi e femmine.

Gestire gli asili non è compito facile. Nonostante le difficoltà le aule sono ben arredate e dotate di tutti i tipi di materiali didattici e giocattoli. Gli insegnanti seguono settimanalmente i programmi preparati dalle autorità educative. Ad esempio, è richiesto che i bambini imparino a suonare strumenti musicali tradizionali come il tamburo eritreo e la chitarra.

Fuori dalla capitale, nella piccola città di Mendefera, a circa 50 chilometri a est di Asmara, la scuola domenicale luterana è una delle strutture più note. Ogni domenica mattina frequentano le lezioni fino a 180 bambini di tutte le religioni.

«Siamo orgogliosi del fatto che così tanti bambini vengano. Ma ciò di cui si sente un gran bisogno è una scuola dell’infanzia», la cui costruzione richiederebbe ulteriori fondi, ha aggiunto Zienawi Medhanie, pastore della chiesa luterana a Mendefera.

La Elce, che ha aderito alla Flm nel 1963, è organizzata in 46 congregazioni e 18 centri di predicazione, che sono guidati da 43 pastori ordinati e otto evangelisti. Un team aggiuntivo di 40 predicatori laici e insegnanti, tra cui 17 donne, sostengono il lavoro della chiesa, soprattutto nelle zone rurali.

Fonte: Flm

Foto: LWF/Rainer Lang

Interesse geografico: