Niente Padre Nostro al cinema

Rifiutata una pubblicità sulla preghiera in Gran Bretagna: «Potrebbe urtare gli spettatori»

Una pubblicità della Chiesa d’Inghilterra sulla preghiera del Padre Nostro destinata ai cinema inglesi non è stata diffusa nelle principali sale del paese. Il contenuto religioso dell’annuncio potrebbe urtare gli spettatori, questa la spiegazione data dalle tre principali catene di cinema della Gran Bretagna, che controllano l’80% degli schermi del paese. «Trovo incredibile che dei cinema considerino inappropriato trasmettere una pubblicità sulla preghiera la settimana prima di Natale, quando celebriamo la nascita di Gesù Cristo», si è lamentato l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby.

La pubblicità in questione, lunga un minuto, rappresenta lo stesso arcivescovo e altre persone mentre recitano il Padre Nostro. Avrebbe dovuto essere diffusa dal 18 dicembre prima dell’ultimo film su Star Wars, «Il risveglio della forza».

L’agenzia Digital Cinema Media, che gestisce la pubblicità per queste catene ha dichiarato alla Bbc che non accetta messaggi con contenuti politici o religiosi. La pubblicità in questione aveva comunque ricevuto il via libera dell’Autorità incaricata delle pubblicità al cinema (Caa) e dell’Ufficio britannico di classificazione dei film (Bbfc).

«Miliardi di persone nel mondo recitano questa preghiera tutti i giorni. Penso che sarebbero stupiti e profondamente rattristati da questa decisione, in particolare alla luce degli attacchi terroristici a Parigi, dove molte persone hanno trovato conforto e consolazione nella preghiera», ha detto l’arcivescovo Welby.

«E’ arrogante da parte della Chiesa d’Inghilterra pensare di avere un diritto automatico di imporre le proprie opinioni a un pubblico che ha pagato per qualcosa di molto diverso», ha ribadito Terry Sanderson, presidente dell’organizzazione della difesa della laicità National Secular Society.

Foto "A.B.C Cinema derelict interior, Wakefield, UK 1048321 1ef100d3-by-philld" by philld. Licensed under CC BY-SA 2.0 via Wikimedia Commons.

Interesse geografico: