Nel pinerolese un aiuto a chi ne ha bisogno

Le chiese del I distretto con la Commissione nuove povertà offrono aiuti concreti a chi nel pinerolese si affaccia al mondo delle nuove povertà

La Commissione nuove povertà del I distretto della Chiesa valdese opera a Pinerolo, in val Pellice, val Chisone e val Germanasca al fianco delle famiglie più povere, di chi fatica o non arriva a fine mese, non riesce a pagare le bollette, non ha i soldi per fare la spesa, ha difficoltà a far studiare i propri figli o perde la casa perché non riesce a far fronte all'affitto.

«Negli ultimi anni sono sempre di più le persone e le famiglie che si rivolgono a noi - ci spiega Davide Rosso della Commissione - l'obbiettivo è quello di tirare le fila su quelle che vengono chiamate "nuove povertà". Con il prolungarsi della crisi sono sempre più le persone che bussano alle porte delle nostre chiese. Con questo strumento possiamo sostenere le diverse iniziative, evitare che si sovrappongono e proporne di nuove. Tra le molte cose che facciamo gestiamo un piccolo fondo del III circuito delle chiese della val Germanasca per sostenere lo studio dei bambini delle famiglie che hanno difficoltà a garantire ai propri figli questo diritto. Il nostro lavoro è anche questo, quello di avere le antenne sul territorio raccogliere le informazioni, condividerle con tutte le persone delle chiese e non solo e poi intervenire».

I temi sui quali interviene la Commissione - istituita due anni fa - sono quelli che tutti hanno sotto gli occhi: la mancanza di lavoro, la difficoltà abitativa e quella del reperimento del cibo.

«Purtroppo in alcuni casi se uno sceglie di pagare le bollette rischia di non avere più i soldi per mangiare. A Pinerolo abbiamo creato dieci anni fa il centro ecumenico d'ascolto insieme alla Chiesa Cattolica di Pinerolo. Prima c'era solo una sede dove la gente si metteva in fila e ritirava il suo pacco alimentare. Le persone facevano la fila in strada e questo minava anche la loro dignità, erano visibili a tutti e soprattutto non potevano scegliere i prodotti di cui avevano bisogno. Abbiamo allora nel tempo modificato questa modalità "assistenziale" rendendola maggiormente "progettuale", realizzata insieme alla persona e non solo per la persona».

Il centro, che è riservato solo i residenti di Pinerolo, è organizzato in due sedi in via del Pino, una di fronte all'altra. Nella prima si svolgono i colloqui alle famiglie a cui vengono assegnati dei punteggi in base al loro livello di povertà e poi si può accedere al vero e proprio negozio dove possono scegliere liberamente i prodotti di cui hanno bisogno.

Può sembrare allarmante, o semplicemente causale, l'aumento di famiglie che nell'ultimo anno si sono rivolte alla Commissione: a febbraio erano 250, oggi sono più di 350. «Per il momento reggiamo sia per la distribuzione del cibo sia per gli inserimenti lavorativi anche insieme al Comune di Pinerolo, con un sistema di voucher».

«Un altro esempio in cui interveniamo è l'emergenza abitativa. Dal 2012 al 2013 c'è stato un aumento di sfratti a Pinerolo: 43 sfratti esecutivi nel 2012 e 55 nel 2013. Persone che hanno perso la casa perché non potevano più pagare l'affitto. L'emergenza casa a prezzi calmierati a Pinerolo è alle stelle. Noi interveniamo con l'iniziativa "Rete Casa" insieme a laici e alla chiesa cattolica. Abbiamo realizzato una convenzione con il comune di Pinerolo affinché chi affitta a prezzi calmierati abbia delle agevolazioni. Da quando è nata l'iniziativa, a giugno di quest'anno, 5 alloggi sono stati occupati in questo modo. Diversi affittuari hanno accettato di affittare i propri alloggi a prezzi "popolari" e "Rete Casa" ha individuato delle famiglie, e non è stato facile, che potessero garantire un minimo di affidabilità e continuità nel pagamento. Molti sono stati i pensionati, ma il mondo delle nuove povertà e molto variegato».

Le forme di finanziamento di questo progetto sono sostanzialmente tre: «il lavoro volontario, l'otto per mille alla chiesa valdese e cattolica, e il finanziamento dei privati, come Corcos, Caffarel, i supermercati che collaborano tramite i suoi dirigenti che si autotassano e finanziano il centro d'ascolto».

Qual è il modo migliore per contattarvi? «E' sicuramente quello di contattare le chiese sul territorio, poi loro riescono a indirizzare al meglio le richieste dei meno abbienti».

Ascolta l'intervista completa a Davide Rosso sul sito di Radio Beckwith.

Foto: "Clochard parisien sur les Gobelins" by This photo was taken by Roman Bonnefoy (  Romanceor[parlons-en]). Feel free to use my pictures, but please credit me as the author (as required by the license). An   emailor a message would be welcome. More free-licensed pictures on my french Wikipedia account. My website : www.romanceor.net. - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons.

Interesse geografico: