«Evitare la deriva nucleare del conflitto in Ucraina»

L’appello del Consiglio nazionale delle chiese cristiane negli Stati Uniti per lo stop a qualsiasi ipotesi nucleare 

 

Nei giorni scorsi il Consiglio nazionale di chiese cristiane negli Stati Uniti (Ncc) si è unita ad altri 27 gruppi religiosi in una lettera inviata al presidente degli Stati Uniti Joe Biden, per chiedere di esercitare la moderazione e di usare la diplomazia per risolvere le tensioni in corso con la Russia a seguito dell'invasione dell'Ucraina. La lettera sottolinea la minaccia di una guerra nucleare per tutte le vite umane, indipendentemente dalla loro nazionalità. Evidenzia inoltre gli effetti dannosi di uno scambio nucleare, anche limitato, su un clima già in crisi.

Tra i gruppi che si sono uniti alla Ncc nella lettera vi sono l'Alleanza dei battisti, la Chiesa dei fratelli, la Chiesa morava, la Chiesa presbiteriana, la Chiesa unita di Cristo, la Chiesa metodista unita, il Consiglio delle chiese della California e il Consiglio delle chiese della Pennsylvania.

Ecco il testo della lettera:

Caro Presidente,

a settembre, il Presidente russo Vladimir Putin ha minacciato di usare armi nucleari in Ucraina. Gli Stati Uniti hanno risposto avvertendo delle «conseguenze catastrofiche» di una simile azione. Come organizzazioni basate sulla fede, crediamo che il possesso e l'uso di armi nucleari non possano essere giustificati e chiediamo la loro abolizione. Condanniamo le recenti minacce nucleari di Putin e rimaniamo preoccupati per la possibilità di un ciclo infinito di escalation che porti all'annientamento globale. Vi esortiamo a evitare il percorso verso la distruzione, resistendo alle pressioni per rispondere con armi nucleari se Mosca compie l'impensabile passo di far esplodere armi nucleari in Ucraina.

Non c'è alcuna giustificazione per l'uso di armi nucleari. La portata della loro capacità distruttiva rischierebbe l'annientamento del pianeta e un armageddon umanitario. Un'ampia gamma di leader religiosi e gruppi interreligiosi in tutto il mondo hanno concordato che le armi nucleari sono armi intrinsecamente immorali che non devono mai essere utilizzate. Papa Francesco ha detto all'inizio di quest'anno: «Desidero riaffermare che l'uso delle armi nucleari, così come il loro semplice possesso, è immorale... Cercare di difendere e garantire la stabilità e la pace attraverso un falso senso di sicurezza e un "equilibrio del terrore", sostenuto da una mentalità di paura e diffidenza, finisce inevitabilmente per avvelenare le relazioni tra i popoli e ostacolare ogni possibile forma di dialogo reale. Il possesso porta facilmente alla minaccia del loro uso, diventando una sorta di “ricatto” che dovrebbe essere ripugnante per le coscienze dell'umanità».

La minaccia poco velata di Putin di usare le armi nucleari contro l'Ucraina è un orribile atto di ricatto nucleare che contraddice la sua stessa ammissione che «non ci possono essere vincitori in una guerra nucleare e non dovrebbe mai essere scatenata». Qualsiasi risposta nucleare da parte degli Stati Uniti contraddirebbe anche il suo stesso riconoscimento che «una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta». Se gli Stati Uniti rispondono all'uso del nucleare da parte della Russia, potrebbero condurci tutti sulla strada di una guerra nucleare su larga scala e della perdita catastrofica di vite umane. Come ha proclamato l'Assemblea generale della Chiesa mennonita, «non possiamo ignorare l'evidente capacità dell'umanità di annientare la creazione di Dio attraverso le armi nucleari».

Una guerra nucleare provocherebbe anche danni inimmaginabili al pianeta. La scienza è chiara: anche una guerra nucleare regionale o cosiddetta "limitata" provocherebbe danni imperdonabili al clima globale. Secondo il rapporto Nuclear Famine (2022), una guerra nucleare che coinvolgesse meno del 3% degli arsenali nucleari mondiali oscurerebbe il sole, causerebbe un calo della temperatura globale, farebbe crollare la produzione agricola mondiale e creerebbe una carestia di massa mai vista prima. Le società di tutto il mondo dovrebbero adattarsi a un pianeta buio, freddo e inospitale.

Mentre continuiamo a sentire il tintinnio delle sciabole nucleari, ribadiamo che quest'era di coercizione nucleare deve finire. La nostra comune umanità ci ricorda che, nonostante le nostre differenze, condividiamo la responsabilità morale di de-escalation delle tensioni, per tornare ai negoziati e realizzare un mondo senza armi nucleari. Le armi nucleari sono incompatibili con il nostro fondamentale rispetto per la dignità umana. Esse minacciano il nostro pianeta, le nostre comunità e le nostre famiglie, senza le quali non possiamo perseguire la nostra prosperità, il nostro benessere o la nostra felicità. Come ha dichiarato il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, «la loro eliminazione sarebbe il più grande regalo che potremmo fare alle generazioni future».

Vi esortiamo a esplorare ogni via di dialogo, diplomazia e negoziazione per allentare le tensioni con la Russia, porre fine allo spargimento di sangue in Ucraina ed eliminare la minaccia nucleare per tutta l'umanità.

Interesse geografico: