USA. Proteggere i luoghi di culto

Un Consiglio consultivo interreligioso sosterrà il Dipartimento per la sicurezza interna nella ricerca di finanziamenti e modalità per proteggere i luoghi religiosi

Il Dipartimento per la sicurezza interna ha annunciato la nomina di un nuovo Consiglio consultivo che assisterà il segretario Alejandro Mayorkas nella ricerca di modi per proteggere i luoghi di culto.

Il Consiglio è composto da 25 membri tra cui rappresentanti di diverse fedi religiose (cristianesimo, ebraismo, islam, sikh), più alcune forze dell’ordine.

La sicurezza delle congregazioni religiose è stata una preoccupazione crescente per un decennio, da quando si verificò la sparatoria al tempio sikh di Oak Creek, Wisconsin, nel 2012. A quell’evento seguì il massacro presso la Emanuel Church AME a Charleston, nella Carolina del Sud, congregazione prevalentemente nera, nel 2015; poi l’uccisione di quasi due dozzine di fedeli alla First Baptist Church di Sutherland Springs, in Texas; e l’uccisione di 11 ebrei in una sinagoga a Pittsburgh nel 2018. Questi sono solo gli omicidi di massa più eclatanti. Altri atti di violenza includono i bombardamenti incendiari del 2017 e del 2019 delle moschee di Victoria, in Texas, e di Escondido, in California.

Il Consiglio dovrebbe aiutare il Dipartimento a valutare l’efficacia dei programmi relativi alla sicurezza esistenti e migliorare il coordinamento e la condivisione delle minacce e delle informazioni relative alla sicurezza.

La Federal Emergency Management Agency, un’agenzia del Dipartimento per la sicurezza interna, ha un programma di sovvenzioni per la sicurezza senza scopo di lucro che fornisce fondi federali alle organizzazioni non profit e ai luoghi di culto per rafforzare la sicurezza nei loro locali.

Il finanziamento del programma è stato aumentato a 250 milioni di dollari nel 2022, rispetto ai 180 milioni di dollari del 2021. Ma non tutte i luoghi di culto che ne fanno richiesta ottengono la sovvenzione. Quest’anno, poco più della metà delle 3.470 domande ricevute è stata approvata, secondo quanto riportato da Jewish Insider. Diversi gruppi religiosi sosterranno un finanziamento di 360 milioni di dollari nel 2023.

La missione del Consiglio consultivo sarà più ampia della promozione di maggiori finanziamenti attraverso il programma di sovvenzioni, ha affermato il rabbino Jonah Dov Pesner, direttore del Religious Action Center of Reform Judaism, che è stato nominato membro nel consiglio.

«Non credo che con maggiori finanziamenti usciremo dalla crisi della supremazia bianca e dell’antisemitismo violento e delle troppe armi facilmente acquisibili», ha detto. «Non si tratta solo di più telecamere di sicurezza. Dobbiamo andare alla radice di queste domande».

Ad esempio, non tutti potranno disporre di una grande presenza delle forze dell’ordine, ha detto Pesner. «C’è un reale pericolo di sorveglianza eccessiva tale da danneggiare le comunità di colore che storicamente sono state dalla parte sbagliata della polizia», ha affermato Pesner. «Dobbiamo essere premurosi e sensibili con tutti coloro che subiscono violenze e assicurarci che la polizia e la sicurezza siano adeguate alla minaccia».

La prima riunione del Consiglio consultivo si svolgerà online il 6 ottobre.

 

Foto: La Emanuel African Methodist Episcopal Church, Charleston, South Carolina

Interesse geografico: