Si blocca il processo per la morte di Giulio Regeni

Impossibile procedere senza le notifiche agli agenti egiziani. I genitori: «una ferita per tutti»

Il processo per il sequestro, le torture e la morte di Giulio Regeni non si farà, non fino a quando l’Egitto non fornirà gli indirizzi dei quattro imputati, tutti agenti della National security, il servizio segreto civile egiziano.

Non potendo avviare le notifiche quale forma di garanzia processuale è impossibile, adesso, continuare. In questo momento le legge nei fatti, per stessa ammissione della Procura, «garantisce l’impunità degli imputati».  Dunque è arrivata la doccia fredda che si temeva nel verdetto di venerdì 15 luglio della Corte di Cassazione, all’esisto dell’esame del ricorso del procuratore aggiunto di Roma, Sergio Colaiocco, che aveva impugnato la decisione della Corte di assise di Roma con la quale veniva sospeso il processo fino alla notifica degli atti.

Durissime e amare le parole dei genitori di Giulio dopo aver appreso la decisione. «Attendiamo di leggere le motivazioni ma riteniamo questo verdetto una ferita di giustizia per tutti gli italiani» hanno detto Paola e Claudio Regeni unitamente al loro legale, l’avvocata Alessandra Ballerini. «Come cittadini non possiamo accettare né consentire l’impunità per chi tortura e uccide», ha aggiunto l’avvocata Ballerini. La sentenza arriva a poche ore dal sit in che si è tenuto nella mattinata di venerdì davanti alla Cassazione e dove erano presenti numerosi sostenitori di #Giuliosiamonoi. Insuperato e per il momento insuperabile lo scoglio delle notifiche, impossibili per la mancata collaborazione di un Paese che ancora viene considerato amico dell’Italia. Giulio era un ricercatore universitario ed è stato accertato che è stato torturato e ucciso.

Da articolo21.org

Interesse geografico: