I leader della Convenzione battista del Sud avrebbero coperto decenni di abusi

Secondo un rapporto indipendente sarebbero centinaia i pastori della denominazione profondamente conservatrice degli Stati Uniti ad esser coinvolti in casi di violenze sessuali

Per decenni, una manciata di leader della Southern Baptist Convention (Sbc) – la più grande denominazione protestante degli Usa – ha trattato i sopravvissuti agli abusi sessuali come nemici della chiesa, ha negato la responsabilità per le azioni delle chiese locali e ha minimizzato il numero di casi di abusi sessuali in quelle chiese, tutto in nome della protezione dell'istituzione, secondo un rapporto pubblicato domenica 22 maggio.

Il rapporto, condotto da una società di indagini esterna, Guidepost Solutions, e reso pubblico dalla task force sugli abusi sessuali della Sbc, rivela un insensibile disprezzo per i sopravvissuti agli abusi e un impegno implacabile a proteggere la denominazione dalle responsabilità.  

La Convenzione battista del Sud viene fondata nel 1845 dalla separazione con quella che oggi è l’American Baptist churches Usa perché i battisti del Sud vedevano come fumo negli occhi l’abolizione della schiavitù. Dopo la guerra civile, la Sbc venne abbandonata anche da pressoché l’intera comunità nera. Rimane comunque oggi la seconda più numerosa confessione cristiana negli Usa, dietro la Chiesa cattolica, con oltre 14 milioni di membri censiti.

Le posizioni sono rimaste quelle profondamente conservatrici degli esordi, che ne fanno una delle denominazioni più a destra del panorama americano. Non fa parte dei principali circuiti ecumenici internazionali, dal Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) in giù, e mantiene un profondo radicamento negli Stati meridionali degli Stati Uniti.

Guidepost Solutions ha scoperto che i leader della Sbc erano ben consapevoli dei casi di abuso nella chiesa, ma non hanno fatto nulla per scoprire se i presunti abusatori fossero rimasti nel ministero, concentrandosi invece sulla protezione della Sbc dalle responsabilità. «Al servizio di questo obiettivo, i sopravvissuti e gli altri che hanno denunciato gli abusi sono stati ignorati, non creduti o sono stati accolti con il costante ritornello che la Sbc non poteva intraprendere alcuna azione a causa della sua politica sull’autonomia delle chiese, anche se ciò significava che i molestatori condannati continuavano a svolgere il loro ministero senza alcun preavviso o avviso alla loro attuale chiesa o congregazione», hanno scritto gli investigatori.

Il rapporto descrive anche le accuse di violenza sessuale dell’ex presidente della Sbc e pastore di lunga data di una megachiesa, Johnny Hunt. Gli investigatori hanno stabilito che tali accuse erano credibili, nonostante le smentite di Hunt. 

Il rapporto accusa anche i dirigenti della Southern Baptist Convention di aver preso misure concrete e intenzionali per nascondere le informazioni sugli abusi sessuali ai fiduciari del Comitato esecutivo della Sbc, che supervisiona i ministeri della denominazione.

«La nostra indagine ha rivelato che, per molti anni, alcuni alti dirigenti del Comitato esecutivo, insieme a consulenti esterni, hanno controllato in larga misura la risposta del Comitato a queste denunce di abusi», hanno scritto gli investigatori della Guidepost Solutions in un riassunto del loro rapporto. «Hanno tenuto sotto stretto controllo le informazioni sulle accuse di abuso e sulle cause legali, che non sono state condivise con gli amministratori, e si sono concentrati esclusivamente sull’evitare la responsabilità della denominazione, escludendo altre considerazioni».

Secondo il rapporto di quasi 300 pagine, l’ex vicepresidente del Comitato esecutivo e consigliere generale D. August “Augie” Boto e James Guenther, che hanno rappresentato la Sbc dal 1966 al 2021, hanno passato decenni a difendere la Convenzione a tutti i costi.

I due hanno criticato i dirigenti della Sbc che hanno cercato di prendere provvedimenti per affrontare gli abusi e hanno gestito male le accuse di abuso «in un modo che ha comportato il maltrattamento dei sopravvissuti», si legge nel rapporto, che ha anche rilevato che Boto, in particolare, ha avuto un atteggiamento intimidatorio nei confronti delle vittime e dei difensori degli abusi.

Tiffany Thigpen, sopravvissuta agli abusi, ha riferito che il rapporto ha rivelato ciò che molti sopravvissuti già sapevano e di cui avevano avvertito i battisti del Sud per decenni.

«Abbiamo detto la verità», ha concluso.

Questa settimana, Thigpen ha confidato di aver pensato ai versetti della Bibbia che esortano i credenti a dire la verità e a non coprire i misfatti, cosa che secondo lei i leader della Sbc non hanno fatto. In particolare, ha citato un versetto del Libro dei Proverbi che avverte che l’orgoglio porta alla vergogna.

«Questo rapporto è la vergogna», ha aggiunto. «L’abuso delle vittime è la vergogna».

I leader della denominazione battista hanno a lungo giustificato la loro inazione sostenendo che la Sbc non è una denominazione gerarchica e non ha il potere di imporre cambiamenti per prevenire gli abusi.

«La struttura della Southern Baptist Convention lascia la responsabilità di tali questioni nelle mani di coloro che sono più motivati e capaci di affrontarle: i membri delle chiese locali, molti dei quali sono genitori e nonni», ha scritto Boto nel 2007, dopo che Christa Brown, sopravvissuta agli abusi, e altri sostenitori avevano chiesto la creazione di un database e un’azione nazionale da parte della Convenzione stessa.

Thigpen ha aggiunto che il rapporto è la prova che una manciata di leader potenti è di fatto responsabile di come vengono gestiti gli abusi.

L’indagine sugli abusi sessuali è stata autorizzata dai delegati locali durante la riunione annuale della Convenzione batista del Sud del 2021, in seguito alle accuse dei sopravvissuti e a quelle contenute in una lettera scritta dall’ex pastore battista Russell Moore sui maltrattamenti e le intimidazioni dei leader della chiesa nei confronti dei sopravvissuti.

I leader della Southern Baptist sapevano da tempo che la denominazione aveva un problema di abusi sessuali nelle chiese locali. Negli anni ‘80 e ‘90, Darrell Gilyard, un protetto degli ex presidenti battisti del Sud Paige Patterson e Jerry Vines, è stato licenziato da diverse chiese per cattiva condotta sessuale. Alla fine è stato condannato per crimini sessuali contro i minori, ma è tornato sul pulpito. Nel 2002, la Sbc ha approvato una risoluzione che invitava «le autorità civili a punire nella misura più ampia possibile gli abusi sessuali del clero e dei consulenti». 

Un’inchiesta del 2007 della trasmissione della ABC News “20/20” ha documentato gli abusi nelle chiese protestanti, compresa la Sbc. Ciò ha portato a una risoluzione sulla protezione dei bambini dagli abusi e a una richiesta al Comitato esecutivo di esaminare la creazione di un database degli abusatori.

«L’elenco più recente preparato dal membro dello staff del Comitato esecutivo conteneva i nomi di 703 abusatori, 409 dei quali si riteneva fossero affiliati alla Sbc», si legge nel rapporto di Guidepost.

Quest’ultima ha anche descritto in dettaglio il modo in cui i membri del Comitato esecutivo e gli avvocati hanno maltrattato Jen Lyell, un’ex funzionaria di Lifeway che si è fatta avanti con la sua storia di abusi subiti ad opera di un professore di seminario della Sbc. Una prima bozza di un articolo di Baptist Press, la pubblicazione ufficiale della Sbc, descriveva Lyell come una sopravvissuta agli abusi, ma poco prima della pubblicazione la storia è stata cambiata per descrivere il suo coinvolgimento in una relazione inappropriata con il professore.

Secondo il rapporto, i funzionari della Sbc si sono rifiutati di correggere la storia per mesi, causando un danno significativo alla reputazione e alla salute di Lyell. La storia è stata infine ritirata dalla Baptist Press, che si è scusata con la Lyell nell’ambito di un accordo.

L’ex presidente della Sbc J. D. Greear ha detto che il rapporto dimostra che la Convenzione avrebbe dovuto agire anni fa per affrontare gli abusi. Greear ha iniziato a parlare di abusi nel 2018, non molto tempo dopo essere diventato presidente, e ha guidato l’assemblea annuale della denominazione in un culto di confessione di peccato dopo che un rapporto del 2019 dello Houston Chronicle ha rivelato centinaia di casi di abusi.

Se si guarda indietro al 2008, ci si deve chiedere: «Perché abbiamo permesso che la burocrazia e il legalese ci impedissero di fare la cosa giusta?», ha dichiarato.

Greear ha detto che spera che la Sbc adotti dei cambiamenti per aiutare a prevenire gli abusi in futuro e per prendersi cura dei sopravvissuti. Ha detto che per troppo tempo i leader della Chiesa hanno concesso il beneficio del dubbio all’istituzione.

«Dobbiamo resistere alla tentazione di minimizzare, di distogliere lo sguardo, di trovare facili “capri espiatori” per ciò che è stato scoperto in questo rapporto, e chiederci invece “cosa avremmo potuto fare meglio?” e “cosa dovremmo fare ora?”», ha dichiarato la task force in un comunicato. «Come Convenzione, non abbiamo ritenuto i nostri leader responsabili e non abbiamo ascoltato gli avvertimenti. I leader avevano accesso alle competenze, ma hanno scelto di non chiedere assistenza e, in alcuni casi, di rifiutare l’assistenza offerta».

Il rapporto include una serie di raccomandazioni per la Sbc, tra cui la creazione di un «Sistema di informazione sui colpevoli» per rintracciare gli abusatori noti, l’avvio di una commissione indipendente che si occupi degli abusi, la limitazione dell’uso di accordi di non divulgazione e la creazione di standard per le chiese che certifichino di seguire le migliori pratiche.

 

Interesse geografico: