Il Re di Giordania Abdullah, custode dei luoghi sacri di Gerusalemme, ha incontrato i leader cristiani negli Stati Uniti

La riconferma dello status quo a Gerusalemme richiederà una dura diplomazia e molta buona volontà. Joe Biden conferma il sostegno alla soluzione a due Stati per il conflitto israelo-palestinese

È insolito che un leader musulmano mondiale in visita negli Stati Uniti chieda di incontrare i leader cristiani locali. Ma il re Abdullah II di Giordania ha le sue responsabilità: Il re hashemita, la cui discendenza risale al profeta, è anche il custode dei luoghi santi musulmani a Gerusalemme, attraverso un trust religioso noto come Consiglio Waqf.

A New York, il re ha incontrato un gruppo di rappresentanti dei cattolici americani e di diverse denominazioni protestanti storiche e afroamericane, oltre a cristiani armeni e greco-ortodossi, per discutere una serie di questioni quali la tassazione alla ristrutturazione della tomba di Cristo e della Cappella dell'Ascensione sul Monte degli Ulivi. Ha anche incontrato gli affiliati di alcuni gruppi cristiani evangelici che hanno chiesto il pieno riconoscimento in Giordania.

Ma l'incontro con i leader cristiani aveva lo scopo principale di preparare il terreno per le discussioni cruciali che si stanno tenendo a Washington nel corso di questa settimana sulle crescenti tensioni ad Al-Haram Al-Sharif, che è il terzo sito più sacro dell'Islam e comprende la Moschea di Al-Aqsa. Il complesso di 35 acri, noto agli ebrei come Monte del Tempio, costituisce una delle proprietà immobiliari più contestate al mondo. La sua proprietà e i diritti di visita sono regolati da un dettame secolare noto come Accordo sullo Status Quo. Negli ultimi anni i nazionalisti ebrei radicali hanno chiesto il diritto di pregare in gruppo sul terreno della moschea, in violazione dell'Accordo sullo Status Quo e della promessa del 2014 dell'allora primo ministro Benjamin Netanyahu di rispettarne i parametri.

I funzionari israeliani affermano di essersi impegnati a rispettare l'accordo, ma dall'ottobre 2000, quando hanno rimosso la guardia del Waqf dalla porta Moghrabi della moschea, le autorità israeliane hanno permesso l'ingresso a chiunque desiderasse. La riconferma dello status quo a Gerusalemme richiederà una dura diplomazia e molta buona volontà. Quest'ultima sembrava essere il punto dell'incontro del re a New York con i leader della Chiesa.

Kyle Cristofalo, direttore senior di Churches for Middle East Peace, che ha contribuito a organizzare l'incontro, ha detto che i rappresentanti cristiani si sono detti profondamente addolorati per i continui attacchi allo status quo e hanno affermato l'impegno delle rispettive comunità a lavorare per l'armonia e la giustizia per tutti coloro che vivono in Terra Santa. 

«Le violazioni quotidiane dei diritti umani e della libertà religiosa contro i cristiani e i musulmani in Terra Santa devono cessare», ha affermato Cristafalo. «Anche l'occupazione deve cessare. Siamo ansiosi di continuare a lavorare con Sua Maestà al servizio di un futuro in cui tutti i palestinesi e gli israeliani possano prosperare».

In una dichiarazione, il pastore Roy Medley, segretario generale emerito delle Chiese battiste americane in USA, ha detto di aver «espresso a nome dei battisti il nostro sgomento quando la religione viene usata come arma per umiliare, dividere e distruggere». Ma la difficile diplomazia rimane. Israele ha finalmente acconsentito alle ripetute richieste della Giordania di parlare dell'uso della piazza di Al-Aqsa. Il re Abdullah è stato in seguito a Washington dove ha incontrato il presidente Joe Biden il quale ha ribadito il suo «forte sostegno» a una soluzione a “due Stati” per il conflitto israelo-palestinese.

 

Foto da European Parliament, il re Abdullah

Interesse geografico: