“Pietre e memoria” per la Beidana n. 102

Numero invernale della rivista di cultura e storia delle Valli Valdesi, una monografia dedicata ad alcuni antichi templi delle valli

È uscito in queste settimane il numero 102 della rivista La Beidana, cultura e storia delle valli valdesi, dal titolo «Pietre e Memoria». Si tratta di un numero monografico che offre una panoramica sulla storia, la resilienza e le prospettive di alcuni templi delle valli. I luoghi di culti sono infatti una parte importante delle nostre chiese: antichi, intrisi di storia, ma bisognosi anche di una proiezione futura. 

Giovanni Jarre, caporedattore di questo numero de La Beidana, spiega che «Lo spunto per l’analisi di questo argomento arriva proprio da una richiesta di una comunità valdese, quella di Villar Pellice, legata ad un proprio spazio che è stato ristrutturato e che si vuole valorizzare anche dal punto di vista storico. Ci occupiamo di un tipo specifico di tempio che caratterizza le nostre valli, quello cioè degli spazi periferici, quartierali. Un primo nucleo di articoli sono dedicati quindi ad una ricerca storica sul tempio del Ciarmis, alla sua valorizzazione (con un approfondimento a cura della stessa comunità), alle prospettive per il futuro. In questa piccola inchiesta si parla anche del percorso fatto, di quanto sia importante per la comunità questo spazio, e un articolo è stato affidato anche a chi ha curato la ristrutturazione del tempio».

Nel numero sono presenti poi altri articoli di contorno che si occupano di altri templi quartierali delle chiese: Daniele Jallà firma uno studio sul tempio dei Bonnet, Daniele Tron invece un’ampia disamina di molti spazi antichi, Federica Cusan propone infine un approfondimento linguistico sui toponimi delle valli, che possono essere rivelatori di storia e tradizioni.

«Si tratta di un numero ricco - conferma Giovanni Jarre - che è stato pensato da un ampio gruppo di lavoro, insieme anche all’Ufficio Beni Culturali della Tavola Valdese. Le possibilità di approfondimento ulteriore sono tante, il nostro numero vuole quindi essere anche un invito rivolto a studiosi e studiose, lettori e lettrici, per ritornare su questi temi e mandarci dei contributi. Sappiamo che ci sono ancora molte cose da dire e molte persone hanno dei racconti da condividere e sarebbe quindi bello poter ricostruire anche una storia orale di questi spazi».

Per ogni comunicazione si può scrivere a redazione.beidana@gmail.com.

Il prossimo numero della rivista La Beidana (miscellaneo) sarà in uscita in occasione del 17 febbraio.

 

Interesse geografico: