Regno Unito. Sgomento per il taglio agli aiuti internazionali

L’Unione battista inglese, la Chiesa metodista e la Chiesa riformata unita esprimono preoccupazione per la decisione del governo di ridurre il budget che sostiene le attività di cooperazione e sviluppo per i Paesi più poveri

La scorsa settimana i parlamentari inglesi hanno votato (333 voti favorevoli contro 298) il piano del Governo che prevede di tagliare gli aiuti internazionali riguardanti le attività di cooperazione e sviluppo per i Paesi più poveri dallo 0,7% allo 0,5% del reddito nazionale.

La decisione comporta che quest’anno verranno spesi circa 4 miliardi di sterline in meno per gli aiuti internazionali. Mentre il primo ministro Boris Johnson ha affermato che è necessario ridurre la pressione sulle finanze pubbliche, la decisione è stata criticata da molte agenzie umanitarie e da leader religiosi. Già lo scorso aprile, i piani del governo di tagliare gli aiuti internazionali erano stati criticati duramente dall’arcivescovo di Canterbury Justin Welby e dall’arcivescovo cattolico di Westminster, il cardinale Vincent Nichols.

Ora hanno preso posizione: la pastora Lynn Green, segretario generale dell’Unione battista inglese, la pastora Sonia Hicks, presidente della Conferenza della Chiesa metodista, Peter Pay e la pastora Clare Dowing, moderatori dell’Assemblea generale della Chiesa riformata unita, che hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

«La decisione di rinunciare all’impegno di sviluppo internazionale del Regno Unito è ingiusta, poco saggia e immorale. Il programma di aiuti del Regno Unito svolge un ruolo fondamentale nell’aiutare a combattere la povertà e a sostenere lo sviluppo sostenibile nei luoghi più poveri del mondo. La contrazione dell’economia nel 2020 ha già comportato una riduzione del budget per lo sviluppo internazionale, e tagliarlo ulteriormente riducendo l’obiettivo dallo 0,7% allo 0,5% è stato devastante per molti programmi vitali e necessari. I piani per fornire alle persone acqua pulita e servizi igienico-sanitari sono stati sospesi, i programmi a sostegno delle donne nella pianificazione familiare sono stati vanificati, e il contributo del Regno Unito alla lotta alle malattie tropicali trascurate è stato ridotto.

È probabile che il taglio di 4 miliardi di sterline nei finanziamenti annuali venga perpetuato di anno in anno. Questa decisione costerà senza dubbio molte vite.

Altre grandi economie durante la pandemia hanno aumentato i loro programmi di sviluppo internazionale. Il taglio del governo britannico allo sviluppo internazionale è in contrasto con il recente annuncio del più grande programma di spesa per la difesa dalla fine della Guerra Fredda. In quanto chiamati ad amare i nostri vicini come noi stessi in un mondo interconnesso, consideriamo il voto di martedì 13 luglio come spietato e controproducente».

Interesse geografico: