Haiti, continuare a cercare il dialogo

I vertici protestanti dell'isola caraibica e di Francia invitano alla calma e alla resilienza dopo l'assassinio del presidente della Repubblica

A sei giorni dall'omicidio del capo dello Stato di Haiti Jovenel Moïse, le indagini continuano. Diciotto membri del commando di ventotto persone di nazionalità colombiana sono stati arrestati dalle autorità haitiane. Le motivazioni restano poco chiare. La polizia ha annunciato domenica sera l'arresto di un medico haitiano indicato dai colombiani come la mente dell’operazione. Ha «perseguito obiettivi politici», ha dichiarato il direttore della polizia nazionale haitiana Leon Charles, secondo il quotidiano La Croix. Potrebbe essere una delle menti dietro l'assassinio del presidente Moïse. Potrebbe essere anche il reclutatore dei membri del commando di fuoco.

«È stata una grande tristezza», ha detto Rodrigue Valentin, presidente della piattaforma Haiti della Federazione protestante di Francia e coordinatore internazionale della Federazione protestante di Haiti. «Non pensavamo a nulla di ciò. La tristezza è condivisa dalla Federazione protestante di Francia, dalla Federazione protestante di Haiti e da tutti coloro che vivono nel paese. Sono commosso e rattristato da questa notizia», ​​ha aggiunto.

François Clavairoly, Presidente della Federazione Protestante di Francia, ha indirizzato al Pastore Calixte Fleuridor, Presidente della Federazione Protestante di Haiti, i suoi messaggi di incoraggiamento in una lettera inviata il 7 luglio: «A seguito di questo tragico evento, vorrei assicurare voi della nostra fraterna amicizia. Pensiamo al vostro Paese e alle vostre Chiese e siamo in comunione con voi nella preghiera». Augura al Paese di ritrovare presto «democrazia, sicurezza e pace».

Rodrigue Valentin ricorda che Haiti è segnata da un contesto di instabilità generalizzata. «Il suo mandato [quello del presidente Jovenel Moïse, ndr] doveva scadere nel febbraio 2022, e per l'opposizione, nel febbraio 2021. E anche prima di questa scadenza, poche ore prima del suo assassinio, aveva appena nominato un primo ministro: Ariel Henry».  Ora è lui il responsabile della formazione di un governo. Joseph Lambert, presidente del Senato, è nominato provvisoriamente presidente di Haiti ma non ha ancora prestato giuramento.

«Chiedo agli haitiani di rinnovare la loro resilienza», supplica Rodrigue Valentin. «Sono un popolo forte che ha sempre lottato. Il mio messaggio, come cristiano e come pastore, è continuare a cercare Dio, e cercare il dialogo e viverlo insieme. Questo è importante per noi ma anche per tutti coloro che vengono nel Paese e altrove. È comunione. Nell'accettare l'altro c'è tolleranza e amore».

 

Foti via Flickr: il presidente Moïse a sinistra e il presidente del Rwanda Kagame a destra

Tags:

Interesse geografico: