Resteranno le parole: oggi lettera B

Una nuova rubrica su Riforma.it riprende un’iniziativa ospitata da Radio Beckwith evangelica

“Resteranno le parole: suggestioni semiserie sulla vita dalla A alla Z” è il titolo scelto per la nuova rubrica culturale di riforma.it, che ha preso l’avvio giovedì 7 gennaio.

L’idea è stata di riprendere, con cadenza settimanale, le puntate di questa sorta di “dizionario etico-biblico-filosofico” andato in onda quotidianamente, all’interno del programma di Radio Beckwith evangelica “Voce delle chiese”, dal 30 novembre al 23 dicembre scorsi.

Ideatori e conduttori di questo spazio originale sono stati due docenti dello Studio teologico e interdiocesano e Istituto superiore di Scienze religiose (Sti-Issr) di Fossano (Cn), Luca Margaria, docente di Etica, Filosofia teoretica e Antropologia filosofica, e Maria Teresa Milano, docente di Lingua e Cultura ebraica, che spiega: «In ebraico il termine davar significa sia parola sia cosa, come a dire che le parole hanno una sostanza e dunque un peso. In effetti le parole non sono mai una semplice successione di lettere e di suoni, ma contenitori di immagini e di significati. Si può giocare a scovarne l’etimologia, trovare differenze e legami a volte inconsueti con altri termini e in altre lingue, si può scoprire quali storie racchiudono e quante altre possono ancora raccontarne».

Oggi è il turno della lettera B. B come Bacio e Bocca. 

Bacio di cura, d’amore, di amicizia, di tradimento, di lealtà… sono tanti gli esempi di baci nella Bibbia.

La bocca come punto di partenza verso la scoperta del mondo. La fase orale, nella crescita e sviluppo del bambino, è un momento molto importante nella formazione della capacità di conoscenza e di esplorazione del mondo circostante.

Ecco il link alla puntata, buon ascolto! 

Interesse geografico: