Otto per mille valdese: nuovi progetti oltre l’emergenza

Tra gli impegni maggiori, laiuto alle diverse forme di disabilità, e cresce lattenzione per lambiente, nellidea di costruire un futuro. Intervista a Manuela Vinay 

Ai primi di settembre è stato pubblicato lelenco dei progetti Otto per mille finanziati per il 2020 dalla Chiesa valdese – Unione delle chiese metodiste e valdesi: 1243, per una somma di circa 42,8 milioni di euro. 

A fronte di un importo stanziato paragonabile allo scorso anno, il numero di progetti è più basso, in unottica di ottimizzazione e volontà di garantire maggiore partecipazione (negli ultimi due anni c’è stata una crescita di circa 500 progetti ogni anno): per questo, spiega Manuela Vinay, responsabile dellufficio Otto per mille della Tavola valdese, è stato posto agli enti esterni il limite di due richieste, e la commissione Otto per mille ha ricalibrato i criteri di selezione. 

Per il resto, «lidea dellufficio e della commissione è continuare a sostenere il terzo settore nella sua attività ordinaria, fondamentale, nonostante la situazione del Paese sia di emergenza». Indubbiamente, lOtto per mille valdese si riconferma infatti come punto di riferimento per il terzo settore, non soltanto dal punto di vista economico: «Limmagine che il mondo del terzo settore (e in generale chi firma per la Chiesa valdese) ha di noi richiama rigore, trasparenza, affidabilità, presenza e presa di posizione sui temi su cui il dibattito pubblico è aperto. La pubblicazione di progetti e resoconti annuali è fondamentale, molti cattolici mi hanno detto di dare lOtto per mille alla Chiesa valdese proprio per la trasparenza, una scelta che si comprende anche pensando al comune sentimento di fede cristiano che ci muove». 

Un altro aspetto, che rende lOtto per mille valdese” una possibilità di finanziamento ad ampio spettro, è il fatto che «il nostro bando, per ora, è unico e generalista, non poniamo limite tematico alle idee progettuali ma le valutiamo per i contenuti e la validità, per quello che pensiamo possano ottenere in termini di efficacia e impatto sui beneficiari». 

Grazie a questo aspetto generalista lOtto per mille valdese copre molti ambiti, anche se spesso lo si associa soprattutto al settore migranti”. In realtà, guardando allItalia, il maggior numero di progetti rientra nella categoria Miglioramento delle condizioni di vita di soggetti affetti da disabilità fisica e mentale” (23,2%): «Lassociazione tra Otto per mille e accoglienza migranti è naturale, perché il progetto dei Corridoi Umanitari ha una risonanza mediatica importante e ha dimostrato ai governi dei diversi Paesi europei che un altro modello è possibile. In realtà la categoria dove investiamo più risorse è quella per rendere indipendenti le persone affette da disabilità (in senso molto ampio), più spesso mentale, che fisica. Riceviamo molte richieste di progetti assai validi, anche perché purtroppo c’è ancora molta carenza nelle istituzioni in termini di aiuti, soprattutto sul tema del dopo di noi”». 

Per quanto riguarda gli altri settori, «investiamo nella crescita e benessere di bambini e ragazzi, soprattutto quelli meno fortunati e con meno possibilità di affrancarsi, e il terzo è la cultura, perché crediamo negli effetti benefici a tutti i livelli che essa offre alla mente e alle relazioni umane.  Allestero le tre aree maggiormente finanziate sono: interventi sanitari e di tutela alla salute 24,6%; educazione/formazione 17,5%; Governance e diritti umani 11,7%: questo significa che siamo presenti nelle emergenze sanitarie e là dove la salute è un privilegio per pochi e poi crediamo nelleducazione e formazione dei giovani ma anche degli adulti come fondamenta per la costruzione di un riscatto personale e comunitario, e infine supportiamo le associazioni che lavorano per difendere e costruire forme di governo a tutela dei diritti umani in modo trasversale».

Venendo allaspetto sanitario: questanno è stato un tema centrale, legato allemergenza Covid-19: qual è la situazione? «In Italia la Tavola valdese ha istituito un fondo di 8 milioni di euro che per ora è stato speso per circa 1/4 per lemergenza sanitaria della prima fase (sul sito dellOtto per mille si trovano già le informazioni), sostegno agli ospedali e allattività di prevenzione nei territori marginali. Un nuovo progetto, in collaborazione con la Asl To3 (area di Pinerolo), riguarda lassistenza domiciliare. Per quanto riguarda la fase di ripartenza”, la Tavola si sta prendendo il giusto tempo per capire come investire al meglio il resto della somma, con lattenzione e la cautela che il momento richiede. Durante lemergenza abbiamo inoltre individuato e sostenuto alcune azioni allestero che hanno coinvolto Brasile, India, Algeria, Egitto, Senegal, Ecuador, Siria, Iraq, Bangladesh ma con un importo non paragonabile a quanto è stato stanziato per lItalia». 

Un settore in crescita è quello della tutela dellambiente, i progetti sono passati da 13 a 27: «Purtroppo le richieste di finanziamento in questo ambito sono ancora poche: per fortuna, rispetto agli altri anni, i progetti sono scritti meglio, più focalizzati su obiettivi. Per il momento mirano alleducazione nelle scuole, allo sviluppo sostenibile, al riciclo, e hanno un importo in media intorno ai 10.000 euro. Ci auguriamo che possano aumentare le richiese e anche le progettualità coraggiose, innovative, che coinvolgano più attori, pubblici e privati, per ottenere risultati concreti». Si tratta sicuramente di un settore che vedremo crescere nei prossimi anni. 

Interesse geografico: