Cuori resi saldi dalla grazia di Dio

Un giorno una parola – commento a Ebrei 13, 9

Si alzino dunque quelli che misurano il cielo, che osservano le stelle, che fanno pronostici a ogni novilunio; ti salvino essi dalle cose che ti piomberanno addosso! Ecco, essi sono come stoppia; il fuoco li consuma
Isaia 47, 13-14

Non vi lasciate trasportare qua e là da diversi e strani insegnamenti; perché è bene che il cuore sia reso saldo dalla grazia
Ebrei 13, 9

Dio accompagna il suo popolo per le vie contorte della storia umana, chiamandolo costantemente alla libertà. Le stelle ed i pianeti risplendono, sì, della gloria di Dio, ma non possono comunicare una direzione morale, né indicare il senso e la meta dell’esistenza; il Dio di Israele interloquisce con il suo popolo per bocca dei profeti, non solo per annunciare gli eventi futuri, ma soprattutto per conferire un significato al presente. Quando Dio comunica, non udiamo il suono impersonale degli astri, o il farneticare dei pronosticatori, bensì la voce umana e sensata dei profeti. Questa parola certa non supplisce una conoscenza superiore di diversi e strani insegnamenti, perché non ci astrae dalla nostra realtà – umana e mondana – per appesantirci di precetti riguardanti diete, giorni fausti ed infausti, calcoli e date. Invece, Dio sussurra il suo amore, grida il suo giudizio, si ritira nel silenzio, per salvarci – non dalla, ma nellanostra storia e nel suo creato; non per liberarci dalla nostra autenticità irripetibile, ma per restituirci la nostra piena umanità. 

I nostri cuori non sono affamati di teorie strane su angeli, demoni, costellazioni, anime e apparizioni, quasi a voler raggiungere livelli superiori di consapevolezza; non siamo affamati di diete e dottrine esclusive che ci rendano più puri degli altri. No. I nostri cuori sono assetati di giustizia. La grazia di Dio raggiunge la nostra fame di autenticità e sete di senso, perché Dio si è fatto uno di noi, come noi. Lo possiamo trovare nei solchi della sofferenza e della gioia umana, nel grido degli oppressi, nei pianti di un bambino, nell’attrazione festosa tra due giovani, nella saggezza dei vecchi. 

È bene che il cuore sia reso saldo da questa grazia rivelata in Gesù Cristo. 

Interesse geografico: