Regolarizzazione, Ero straniero: Nessun accordo al ribasso sulla pelle delle persone

La campagna Ero straniero, cui aderisce anche la Federazione delle chiese evangeliche in Italia, interviene in merito alla proposta di regolarizzazione dei lavoratori migranti

«Stiamo assistendo ancora una volta a uno spettacolo imbarazzante e ridicolo, se non fosse che in gioco c’è il destino di centinaia di migliaia di persone già presenti in Italia e costrette da tempo all’invisibilità e a dover subire sulla propria pelle i ricatti che inevitabilmente la condizione di soggiorno irregolare comporta»: con queste parole la campagna Ero straniero, alla quale aderisce anche la Federazione delle chiese evangeliche in Italia, interviene rispetto alla proposta di regolarizzazione e alle relative polemiche di queste ore.

Ricatti che secondo la rete Ero straniero, comprenderebbero: «impossibilità di avere un contratto di lavoro, e quindi nessuna tutela e inevitabile sfruttamento lavorativo; impossibilità di avere una casa e di provvedere al sostentamento della propria famiglia e quindi marginalità sociale; impossibilità di poter accedere al sistema sanitario e quindi salute precaria, con rischi altissimi per se stessi e per gli altri, soprattutto in tempi di pandemia».

«Di questo parliamo – continuano i promotori della campagna in una nota congiunta – quando chiediamo un provvedimento di regolarizzazione: dare a queste persone la possibilità di vivere e lavorare legalmente, garantendo diritti e tutele per una maggiore sicurezza lavorativa, sanitaria e sociale, per tutti. E con nuove entrate fiscali e contributive, preziosissime, in questo momento. Proprio per queste ragioni non è accettabile pensare a permessi temporanei e precari, che non andrebbero a intaccare il fenomeno dell’irregolarità: l’intervento del governo non solo è necessario ma, oggi più che mai, deve essere il più ampio possibile, rivolto a tutti i settori lavorativi e con permessi di soggiorno almeno di sei mesi, rinnovabili, per garantire a tutti la possibilità di continuare a vivere legalmente e dignitosamente nel nostro Paese.
Noi promotori della campagna Ero straniero questa richiesta la poniamo da tempo, anche attraverso una proposta di legge popolare depositata alla Camera a fine 2017, su cui è stato svolto un lavoro prezioso nell’ultimo anno alla Camera col confronto di esperti e rappresentanti delle diverse realtà produttive, delle parti sociali e delle istituzioni competenti in materia di immigrazione.
Ci rivolgiamo quindi al Presidente del Consiglio affinché si intervenga con una misura che sia realmente efficace, pragmatica e a lungo termine, tenendo fuori gli scontri interni alla maggioranza e guardando al bene del Paese».

Ero straniero è una campagna promossa da: Radicali Italiani, Oxfam Italia, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto Onlus, Fcei – Federazione Chiese Evangeliche in Italia, ActionAid Italia, Legambiente Onlus, ACLI, CILD, ASCS – Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo, AOI, con il sostegno di numerosi sindaci e decine di organizzazioni.

Il titolo della proposta di legge di iniziativa popolare è “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”. Si compone di 8 articoli che prevedono: l’introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per la ricerca di occupazione e attività di intermediazione tra datori di lavoro italiani e lavoratori stranieri non comunitari; la reintroduzione del sistema dello sponsor; la regolarizzazione su base individuale degli stranieri “radicati”; l’effettiva partecipazione alla vita democratica col voto amministrativo e l’abolizione del reato di clandestinità.

Interesse geografico: