Corridoi umanitari in Francia, nuovo arrivo stasera

Il modello di vie legali e sicure per l'arrivo in Europa di persone migranti, creato in Italia da chiese protestanti e Sant' Egidio, prosegue anche nella sua versione francese

Il progetto dei corridoi umanitari continua anche in Francia. Stasera 3 ottobre giungerà a Parigi proveniente dal Libano un nuovo gruppo di rifugiati siriani e iracheni: sono famiglie che saranno accolte e accompagnate da organizzazioni, associazioni e cittadini. 
Si tratta di tre famiglie, undici persone: il più giovane ha 3 anni, il più grande 64.

Le famiglie andranno in regioni già impegnate nell'accoglienza: nel Doubs, negli Yvelines e a Lione.

Continua a replicarsi dunque il modello dei corridoi umanitari, avviato nel 2016 Dalla Tavola valdese, Federazione delle chiese evangeliche in Italia e Comunità di Sant’Egidio, che al momento ha portato oltre 2600 rifugiati in Europa (Italia per la grande maggioranza, poi Francia, Beligio e Principato di Andorra) attraverso vie legali e sicure.

In Francia il modello è gestito dalla Comunità di Sant'Egidio – con il Ministero dell'Interno, il Ministero degli Esteri, la Federazione protestante di Francia, la Fédération de l’Entraide protestante, la Conferenza dei vescovi della Francia e Secours catholique-Caritas France ed ha visto crescere la solidarietà, grazie alla generosità di numerosi francesi (alcuni dei quali hanno offerto le proprie case per l'ospitalità) e il loro impegno volontario e gratuito.

Con questo arrivo sale a 375 il numero di persone accolte in Francia da luglio 2017 e a più di 90 il numero delle famiglie accolte. Sono per la maggior parte siriani e più del 40% sono minori.

Un secondo volo è previsto per martedì 15 ottobre 2019 per quindici rifugiati.

Interesse geografico: