Chiesa anglicana, preghiere e dialoghi sulla Brexit

Mentre proseguono le difficili trattative fra Regno Unito e Unione Europea, i leader anglicani invitano i fedeli a incontrarsi per riflettere insieme

La Chiesa d'Inghilterra ha invitato le comunità a unirsi in dialoghi e preghiere mentre le discussioni sull’uscita del Regno Unito dall'Unione europea raggiungono un punto cruciale. Il dibattito sta dividendo le comunità come è ben noto. Il governo del Regno Unito e l'UE hanno raggiunto un accordo, ma questo è stato respinto due volte dal parlamento britannico. Il Presidente della Camera dei Comuni ha stabilito che il governo potrà riportarlo in votazione solo se la mozione sarà «sostanzialmente diversa». La Gran Bretagna rischia di lasciare l'Unione europea senza un accordo il 29 marzo a meno che gli altri 27 Stati membri dell'UE non accettino una richiesta di prolungamento del periodo di uscita da parte del governo britannico.

Le chiese anglicane sono incoraggiate ad ospitare «incontri informali in stile caffetteria» nel fine settimana del 29-30 marzo «per riunire persone di tutti i punti di vista e incoraggiare una discussione aperta». Gli arcivescovi di Canterbury e York, Justin Welby e John Sentamu, hanno impegnato risorse per invitare le persone a «riunirsi e chiacchierare davanti a una tazza di tè e pregare per il nostro paese e il nostro futuro».

Con lo slogan "Insieme", il programma include passaggi biblici appositamente scelti, preghiere e domande progettate per favorire le conversazioni. Le note introduttive sollecitano i partecipanti ad avere «rispetto per l'integrità delle posizioni differenti, incoraggiando le comunità a considerare i punti di vista di tutti i partecipanti».

«Come seguaci di Gesù Cristo siamo chiamati a dimostrare che l'amore per Dio e gli uni verso gli altri, insieme alla compassione, alla solidarietà e alla cura per i più poveri, sono i nostri valori che ci definiscono», ha affermato l'Arcivescovo Justin Welby. «Questi valori sono stati il fondamento della nostra vita nazionale per molti secoli. Non sono semplicemente la nostra storia: sono anche la nostra migliore speranza per il futuro. Per questo motivo, fra un secolo la Chiesa sarà ricordata per come ha reagito in questo momento cruciale della vita della nostra nazione e del nostro Paese. Saremo quelli che hanno lavorato per disinnescare la tensione e l'ostilità? Saremo quelli che hanno chiesto civiltà e rispetto nel modo in cui parliamo e ci trattiamo l'un l'altro? Saremo quelli che non hanno mai smesso di pregare con urgenza e speranza per il nostro paese, le nostre comunità e i nostri leader politici - e per una via da seguire che permetta a ogni persona, famiglia e comunità di prosperare? Questa è un'opportunità per la Chiesa d'Inghilterra di unirsi in preghiera per il regno di Dio che verrà, e per il bene di tutti nella società. Spero che ognuno di noi si faccia forte di queste risorse per aiutarci a pregare per il nostro Paese in questo momento critico».

L’arcivescovo Sentamu ha aggiunto: «San Paolo consiglia ed esorta Timoteo a offrire, preghiere, intercessioni e lodi per tutti, per i sovrani e per tutti coloro che occupano alte cariche in modo da poter condurre una vita tranquilla, liberi di praticare la loro religione con dignità. Tale preghiera è giusta e approvata da Dio nostro Salvatore, la cui volontà è che tutti debbano trovare la salvezza e venire a conoscere la verità. (1 Timoteo 2,2 e seguenti)».

Anche altre Chiese anglicane in Gran Bretagna e Irlanda del Nord stanno sollecitando la preghiera. Il mese scorso, il Collegio episcopale scozzese dei vescovi ha affermato di aver «pregato e sostenuto tutti coloro che sono coinvolti nel dibattito sulla Brexit e coloro che ritengono che saranno influenzati negativamente dai risultati del dibattito e dalle decisioni prese. Con il proseguire delle discussioni e con l'incapacità del Parlamento di raggiungere un accordo siamo sempre più preoccupati per il livello di aggressività nei media e talvolta per il comportamento dei nostri parlamentari. La Scozia è radicata in valori che ci rendono un posto inclusivo. Sottolineiamo che la nostra chiesa accoglie tutti coloro che scelgono di vivere tra di noi. Celebriamo tutto ciò che portano nelle nostre comunità e offriamo loro il nostro sostegno in questo momento di ansia».

I vescovi della Chiesa in Galles hanno avvertito che la Brexit «potrebbe portare un momento di confusione e ansia quando il paese inizierà una nuova era».

Stanno anche loro esortando la gente del paese a pregare per la nazione il 29 marzo e hanno chiesto che le chiese siano tenute aperte per preghiere private o pubbliche o semplicemente per far trascorrere alle persone del tempo in una tranquilla riflessione.

«Lasciare l'Unione europea avrà un impatto su quasi ogni area della nostra vita; e mentre ci avviciniamo al 29 marzo, molte persone temono la possibilità di uscire senza un accordo negoziato, con possibili conseguenze sconosciute per le persone, le imprese e le comunità», ha affermato la vescova di St. Davids, Joanna Penberthy.

 

Foto: Murale dell'artista Banksy, Dover, 2018

Tags:

Interesse geografico: