Dio è un rifugio sicuro

Un giorno una parola – commento a Salmo 9, 9

Il SIGNORE sarà un rifugio sicuro per l’oppresso, un rifugio sicuro in tempo d’angoscia
Salmo 9, 9

Dio non renderà dunque giustizia ai suoi eletti che giorno e notte gridano a lui? Tarderà nei loro confronti?
Luca 18, 7

Il tempo dell’uomo è tante volte caratterizzato dall’angoscia che distrugge ogni speranza e fa sprofondare i molti nel pantano dell’oppressione mortale. Il nostro Salmo prende con serietà la situazione dolorosa del credente e testimonia il cambiamento radicale ogni qualvolta il Signore interviene. 

Dio non è lontano né è assente dalla vita umana e si preoccupa di offrire rifugio. Dio apre la via della libertà da una esistenza dolorosa per guidare ogni persona verso la meta del riposo. Dio è Signore della grazia e costruisce per i molti un rifugio nel quale si può essere rallegrati per un futuro di vera pace.

Più volte la Parola di Dio presenta quest’opera di Dio per «i molti» dolenti e sofferenti in un mondo senza giustizia né pace. Questo è importante per noi. Il nostro Dio è Signore di tutti coloro i quali non posseggono né un riparo nelle avversità, né un luogo di pace nel dolore, né la speranza per il domani. Non è Signore dei religiosi o dei santi, ma proprio di chi ora nella vita quotidiana non possiede più le capacità per ritrovare protezione e gioia. 

Signore è un rifugio e non chiede nulla! Il Signore dona e non chiede contraccambio! Il Signore libera e non chiede altro che gioia! 

Interesse geografico: