Agire ora per evitare la catastrofe climatica

Pubblicato il Rapporto "Limitazione del riscaldamento globale a 1,5°". La Federazione luterana mondiale, ACT Alliance, il Consiglio ecumenico delle chiese e Bread for the World lanciano un appello ai leader mondiali

«Come organizzazioni religiose siamo molto preoccupati che persone vulnerabili e povere siano colpite dai cambiamenti climatici che li espongono sempre più alle emergenze e alle crisi umanitarie», avvertono la Federazione luterana mondiale (Flm), ACT Alliance, il Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) e Bread for the World dopo la pubblicazione del rapporto “Limitazione del riscaldamento globale a 1,5°. I rischi climatici e le perdite irreversibili che dobbiamo evitare” elaborato da parte del gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (Ipcc) in vista della 24° Conferenza delle Parti della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP24), che si terrà dal 4 al 12 dicembre a Katowice, in Polonia.

Le quattro organizzazioni di fede lanciano un appello ai leader mondiali affinché intraprendano un’azione rapida e coordinata per limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C.

Ribadendo il loro sostegno e impegno nelle conferenze annuali delle Nazioni Unite e in altri forum, le organizzazioni insistono sul fatto che siano possibili solide soluzioni finanziarie, tecnologiche e politiche a questo problema. «Se non affrontiamo il cambiamento climatico e non aumentiamo gli sforzi per proteggere le comunità colpite ora, subiremo rischi incalcolabili per le generazioni future», affermano nella prefazione della pubblicazione.

Il Segretario Generale della Flm, Martin Junge, ha affermato: «Il cambiamento climatico non scomparirà solo dichiarando che non esiste. Siamo ancora in tempo per cambiare. Ciò di cui c’è bisogno è una profonda trasformazione che limiti il continuo riscaldamento globale. Come persone di fede, sappiamo bene come Dio vuole che questo mondo sia, e ciò che Dio vuole è che gli esseri umani vivano su questo pianeta. È tempo che la chiesa si concentri su questo e si impegni in azioni per la giustizia climatica».

Il documento “Limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C” è stato elaborato da un team di esperti sul clima e professionisti dello sviluppo di Africa, Europa e Oceania, che hanno studiato a fondo la letteratura scientifica a riguardo. Nonostante l’Accordo di Parigi del 2015 per mantenere il riscaldamento globale a 1,5 ° C, il mondo è «fuori strada», sostengono gli autori, aggiungendo che il superamento dell’obiettivo «metterebbe seriamente a repentaglio» i risultati degli obiettivi di uno sviluppo sostenibile. Se le temperature globali salgono sopra 1,5 ° C, l’agricoltura, la salute delle acque, le comunità costiere e le città, gli ecosistemi marini e tropicali e marini saranno a rischio di ondate di caldo, piogge irregolari, tempeste, inondazioni, siccità e innalzamento del livello del mare.

«Questo non è il futuro che vogliamo», scrivono gli autori del Rapporto, esortando i paesi a «adempiere alle loro responsabilità e aumentare i loro contributi». La Flm e suoi partner ecumenici hanno altresì dichiarato che sono convinti che «limitare il riscaldamento globale a 1,5° sia un imperativo umanitario ed etico».

Interesse geografico: