Ci sono molti disegni nel cuore dell’uomo, ma il piano del Signore è quello che sussiste
Proverbi 19, 21

Bisogna che ci applichiamo ancora di più alle cose udite, per timore di essere trascinati lontano da esse
Ebrei 2, 1

Quanti sogni si fanno in gioventù! Ma anche in età più adulta si pensano tante cose, si fanno e si disfano tanti progetti dettati spesso dall’urgenza del momento più che da una riflessione approfondita. Per tale motivo non di rado si abbandonano idee che sembravano buone, ma che alla resa dei conti non ci soddisfano. Questo non vuol dire che non dobbiamo fare progetti o che i nostri progetti sono comunque destinati a fallire; vuol dire piuttosto che come credenti dobbiamo essere consapevoli che, al di là dei nostri piani, c’è il progetto del Signore che è quello che rimane in eterno.

I disegni del nostro cuore cambiano spesso anche perché hanno un orizzonte limitato; Dio vede più lontano di noi, e per questo il suo progetto abbraccia non solo la nostra vita ma tutta la nostra storia e tende sempre al bene, anche se noi, facendo cattivo uso della libertà che ci è stata donata, spesso lo ostacoliamo col male. Ma Dio rimane fedele al suo piano di salvezza e, nonostante le apparenze contrarie, manifesterà che il bene è più forte del male: «Dio non esaudisce tutte le nostre preghiere ma realizza tutte le sue promesse» (Dietrich Bonhoeffer). Occorre da parte di noi credenti una maggiore fiducia in Dio: la consapevolezza che il suo progetto è la realizzazione del nostro bene e che esso deve diventare il punto di riferimento per i nostri progetti.

Immagine: via istockphoto.com