Mantenere le promesse contro la povertà nel mondo

Leader religiosi britannici chiedono a David Cameron di sostenere con determinazione i nuovi Obbiettivi ONU per lo sviluppo sostenibile

Lo scorso 18 settembre rappresentanti religiosi cristiani, musulmani ed ebrei del Regno Unito si sono ritrovati presso la cattedrale anglicana di St. Paul, a Londra, per sollecitare il primo ministro David Cameron a mantenere le promesse fatte ai poveri del mondo. L'incontro è avvenuto ad una settimana dalla riunione dei capi di Stato convocata a New York (25-27 settembre) dalle Nazioni Unite per approvare gli Obbiettivi ONU per lo sviluppo sostenibile. «Siamo qui per chiedere a Cameron di usare tutto il suo potere, a livello nazionale ed internazionale, per assicurare che i nuovo Obbiettivi possano davvero cambiare in meglio le vite di milioni di persone», ha affermato Husna Ahmad, amministratrice delegata della Onlus musulmana femminile «Global One», che ha proseguito: «Gli Obbiettivi hanno delle potenzialità straordinarie, ma si potranno realizzare solo se i governi li perseguiranno con determinazione, investendo risorse adeguate».

Gli Obbiettivi ONU per lo sviluppo sostenibile sostituiranno, a partire dal 2016, gli Obbiettivi del Millennio, lanciati nel 2000. In particolare, prevedono 17 ambiti di azione che vanno dal porre fine alla povertà, alla lotta alle ineguaglianze, alla protezione dell'ambiente. «Uno degli aspetti più importanti dei nuovi Obbiettivi - ha spiegato Dionne Gravesande di Christian Aid, l'associazione umanitaria che ha organizzato l'incontro a St. Paul - è la loro insistenza sul concetto che nessuno va lasciato indietro. Nessun Obbiettivo si potrà considerare realizzato se non sarà raggiunto da tutti i gruppi della società. In un mondo segnato da ineguaglianze e discriminazioni, si tratta di una preziosa promessa. Spero che tutte le comunità religiose si attivino affinché i leader del mondo tengano fede agli impegni».

sdgs_0.png
Immagine via

Tra i religiosi presenti all'incontro del 18 settembre a Londra, oltre a quelli già citati, figurano: il presidente della Conferenza metodista britannica, Steve Wild; il rabbino della New North London Syagogue, Jonathan Wittenberg; la responsabile del settore sviluppo internazionale dell'Esercito della Salvezza, Helen Poxon; il vice presidente del Consiglio delle chiese luterane in Gran Bretagna, Michael Persson.

Oltre all'incontro di St. Paul, una piattaforma interreligiosa ha lanciato la campagna «Prayer for Everyone» che, dal 24 settembre al 1° ottobre, intende organizzare eventi a livello mondiale e diffondere sui social (#PrayerforEveryone - #globalgoals - #DizzyGoals - @TheGlobalGoals) la conoscenza dei 17 nuovi Obbiettivi, chiamando in causa anche personaggi famosi del mondo dello spettacolo e dello sport, dal fondista britannico Mo Farah all'attrice dello Sri-Lanka Jacqueline Fernandes, dall'astronauta Samanta Cristoforetti all'intera squadra di calcio del Liverpool.

Foto copertina via

Interesse geografico: