Mobilitazione dei battisti nella crisi dei rifugiati in Europa

Gli interventi coordinati dal Baptist World Aid, braccio operativo dell’Alleanza battista mondiale

Una somma iniziale di 15.000 dollari è stata inviata dall’Alleanza battista mondiale (Abm), attraverso il suo braccio operativo, Baptist World Aid, ai battisti ungheresi per dare aiuto ai rifugiati giunti in quel paese.

Bela Szilagyi, vice presidente di Baptist Aid-Ungheria (HBAid), ha reso noto che presso il campo profughi temporaneo allestito non c’è più posto. Finora è stata data assistenza medica a oltre 700 rifugiati. «La maggior parte dei malati soffrono di problemi delle vie respiratorie superiori, di malattie della pelle e di gonfiori» ha detto Szilagyi. «Il 30% di coloro che hanno richiesto cure mediche sono bambini».

Inoltre, i battisti ungheresi hanno distribuito acqua e cibo alle stazioni dei treni di Nyugati e di Keleti, nonché kit igienici, medicine, disinfettanti, pannolini, alimenti per l’infanzia e giocattoli.

«Molte delle nostre chiese sono impegnate nel dare una risposta a questa grande crisi umanitaria in modi diversi», ha detto Thomas Klammt, commissario per gli immigrati e i rifugiati dell'Unione delle chiese evangeliche libere in Germania. Le comunità in Germania stanno offrendo «corsi di lingua, assistenza nei bisogni pratici, e stanno anche aprendo le loro case e offrendo camere per i rifugiati che cercano protezione».

Nel maggio di quest'anno, i battisti tedeschi hanno approvato una risoluzione dal titolo «Accogliere Cristo nello straniero». Klammt ha dichiarato che l’Unione battista ha nominato un rappresentante che sarà in stretto contatto con il Dipartimento governativo per le migrazioni.

«In questo momento molti rifugiati stanno arrivando in Svezia», ha dichiarato Inga Johansson, rappresentante della Chiesa Unita in Svezia, che comprende anche i battisti. «La Chiesa Unita in Svezia ha molte congregazioni attive nel sostegno dei rifugiati. Incoraggiamo le congregazioni ad aprire i locali di culto affinché diventino luoghi dove i rifugiati possono ottenere assistenza burocratica, consulenza, formazione linguistica e molto altro», ha detto Johansson.

Il Consiglio cristiano di Svezia ha un comitato di lavoro che si occupa di immigrazione. «Come chiesa vogliamo, insieme ad altre organizzazioni, poter offrire sostegno ai rifugiati e ai richiedenti asilo», ha concluso Johansson.

L'emergenza immigrazione sarà un importante argomento di discussione durante le riunioni della Federazione battista europea, una delle sei aree regionali della Abm, che si terrà a Sofia, in Bulgaria, a partire dal 23 settembre.

Fonte: BWA

Foto "Syrian refugees having rest at the floor of Keleti railway station. Refugee crisis. Budapest, Hungary, Central Europe, 3 September 2015" by Mstyslav Chernov - Own work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.

Interesse geografico: