A Beirut inaugurato l'Istituto Ecumenico per il Medio Oriente per giovani cristiani

È stato inaugurato a Beirut un centro ecumenico per giovani cristiani che sarà «stimolante e promettente» e avrà come scopo quello di formare i giovani e insegnar loro la storia del pensiero ecumenico

Si chiama Istituto Ecumenico del Medio Oriente e educherà le giovani generazioni di cristiani mediorientali nella storia del pensiero ecumenico. Il segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese, il pastore norvegese Olaf Fykse Tveit, ha incontrato gli organizzatori e gli studenti dell'istituto il 20 luglio durante la sua visita in Libano e a Beirut.

Il centro ha una quarantina di studenti che arrivano dal Libano, Egitto, Sudan, Giordania, Siria, Palestina e Iraq e rappresentano diverse tradizioni e denominazioni cristiane. Avviato dalla Federazione Mondiale degli Studenti Cristiani (Wscf), l'Istituto Ecumenico per il Medio Oriente si propone di promuovere l'ecumenismo e la collaborazione interconfessionale nel mondo arabo così come costruire ponti con le persone di altre fedi per un sincero e costruttivo dialogo.

La Federazione Mondiale degli Studenti Cristiani offre da più di 43 anni una preziosa esperienza ecumenica nella regione del Medio Oriente ma affonda le sue radici nel 1895 quando fu fondata come Christian Youth Body.

Dopo aver incontrato gli studenti, Tveit ha detto che in mezzo alla difficile situazione della regione, l'Istituto Ecumenico per il Medio Oriente rappresenta un valore molto significativo per le chiese.

«Con gli insegnanti dal punto di vista teologico molto qualificati, l'istituto sta avviando gli studenti agli studi biblici e alla diversità delle tradizioni cristiane, e li sprona a continuare l'eredità del movimento ecumenico», ha ribadito Tveit.

Tveit ha definito l'istituto «un modo di sostenere le chiese nella travagliata regione del Medio Oriente, come espressione di solidarietà e di un valido modo di costruire relazioni». «Confido che le chiese della regione sostengano questa iniziativa e possano continuare a lavorarci insieme», ha detto.

Alcuni dei temi che forniranno un focus delle sessioni di formazione includono il dialogo tra le chiese, l'ecumenismo, la sua definizione, la storia, l'ecumenismo in Medio Oriente, la storia delle chiese nella regione e in tutto il mondo, la storia e i successi delle istituzioni ecumeniche. Tra gli altri argomenti ci saranno ancora il dialogo interreligioso, studi biblici, l'ecumenismo nella Chiesa e nella società, le questioni contemporanee e il loro impatto sulle popolazioni del Medio Oriente, i temi dei diritti umani e la situazione delle donne nel mondo per quanto riguarda diritti, istruzione, sviluppo e diaconia.

L'Istituto Ecumenico per il Medio Oriente promuove l'unità nella diversità, la costruzione della pace e la sicurezza per tutti, attraverso la formazione dei partecipanti che sono interessati a impegnarsi nella formazione e nel pensiero ecumenico.

L'Istituto Ecumenico per il Medio Oriente aprirà ufficialmente il 31 luglio.

(Traduzione di Diego Meggiolaro, da Wcc)

Foto da www.oikoumene.org