Il Consiglio ecumenico delle chiese partecipa al lutto per le vittime di Peshawar

«Preghiamo per le vittime e per chi lotta per affrontare tanta assurda violenza»

A seguito del massacro di decine di studenti e insegnanti a Peshawar il 16 dicembre, Il Segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) Olav Fykse Tveit ha voluto partecipare al lutto per le vittime del terribile attentato che tante giovani vita ha spezzato, offrendo preghiere per le famiglie coinvolte e per tutti i feriti, oltreché per l’intera comunità.

Ecco le parole di Tveit, rilasciate a Ginevra, nel quartier generale del Cec: «Sono sotto shock e profondamente oltraggiato per il massacro di 132 bambini e 9 membri dello staff della scuola di Peshawar. E’ molto difficile credere che esseri umani creati a immagine e somiglianza di Dio possano precipitare in simili atrocità. Qualunque motivazione, vera o immaginaria, possa aver ispirato un simile attacco, non troverà mai giustificazione e i loro autori vanno completamenti condannati. Nessuna reale interpretazione di qualsivoglia religione troverà mai giustificazione per un simile oltraggio. Prego per le vittime e per le loro famiglie, per le loro comunità, e per ognuno di noi che lotta per affrontare tanta incomprensibile e insensata violenza».

Foto: "Board Bazaar Peshawar" by Drsaeed90 - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons.

Interesse geografico: