istock-1366445789

La strada della vera allegrezza

Ascolta la meditazione:



Ascolta “Un giorno una parola – 14 giugno” su Spreaker.




L’anima mia si glorierà nell’Eterno; gli umili l’udranno e si rallegreranno
Salmo 34, 2

Rallegratevi sempre nel Signore. Ripeto: Rallegratevi. La vostra mansuetudine sia nota a tutti gli uomini. Il Signore è vicino
Filippesi 4, 4-5


In questa lettera di Paolo l’esortazione a rallegrarsi è costante. Nello scontro con i falsi dottori: Del resto, fratelli miei, rallegratevi nel Signore (Filippesi 3,1); nella prigionia di Paolo: Che importa? Comunque sia, o per pretesto o in sincerità, Cristo è annunciato; di questo mi rallegro e mi rallegrerò ancora (Filippesi 1, 18); e in vista del possibile supplizio dell’apostolo: E, se anche debba essere offerto come libazione sul sacrificio e sul servizio della vostra fede, io ne gioisco e me ne rallegro con tutti voi (Filippesi 2, 17).
Potremmo affermare che questo “rallegratevi” sia da intendere “nonostante tutto”. Non è un invito a gioire durante una festa. Ma allora, Quale forza ci permette di gioire “nonostante tutto”? La risposta non risiede nella fede dei credenti, ma nella certezza che Il Signore è vicino, cioè il tempo della gioia è alle porte, fate che gli uomini lo avvertano! Rallegratevi non per voi stessi, non per dimenticare dolori e angosce, non per allontanarvi dalle persecuzioni, piuttosto per predicare la venuta del Signore della gioia!

Nel nostro tempo non sperimentiamo né persecuzioni né dolori in relazione alla nostra fede cristiana. Questo ci porta a volte ad addormentarci nella pigra ripetizione dei nostri impegni umani o di chiesa senza entusiasmo e senza gioia. L’esortazione apostolica ci indica la strada della vera allegrezza se ricordiamo di essere sempre in attesa del Signore che è vicino. Questa gioia rende possibile l’apertura di vie nuove per il nostro mondo oltre la violenza e la guerra, vie di giustizia e di pace. Facciamo in modo che gli uomini e le donne avvertano il tempo nuovo del Signore che viene!