i suoi articoli

13 ottobre 2016

L’Italia ha ratificato 28 anni la fa la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura, ma da allora molte proposte di legge si sono perse nel nulla tra aule e commissioni parlamentari

12 ottobre 2016

La proposta di legge sulle droghe leggere, discussa alla Camera lo scorso 25 luglio, è stata rinviata in commissione, e ora non ci sono certezze sulla forma con cui uscirà

11 ottobre 2016

Domenica 9 ottobre il governo dell’Etiopia ha dichiarato lo stato di emergenza per un periodo di sei mesi per frenare le proteste che durano da mesi. Ma quali sono le cause?

10 ottobre 2016

Secondo il giornalista libico Farid Adly, se si fosse voluto pacificare il Paese dopo la deposizione di Gheddafi si sarebbe potuto mantenere il controllo del territorio ed ridurre il dramma delle migrazioni forzate

5 ottobre 2016

Dopo la decisione della Corte Suprema palestinese, il governo ha deciso di rinviare di alcuni mesi il voto previsto per ottobre e che avrebbe riguardato soltanto la Cisgiordania, escludendo la Striscia di Gaza

4 ottobre 2016

Intervista con Enrico Calamai, console di Buenos Aires durante il golpe militare del 1976, che sacrificò la sua carriera per salvare centinaia di persone e che oggi si interroga su come salvarne altre

3 ottobre 2016

Il voto sulle quote di accoglienza dei migranti non raggiunge il numero minimo di votanti, eppure secondo il primo ministro Orbán si tratta di una vittoria delle politiche anti-immigrazione

29 settembre 2016

L’organizzazione italiana “Un Ponte Per...” ha consegnato ieri aiuti umanitari per 20.000 persone in Siria, indipendentemente dall’etnia o dalla religione. Un’azione resa possibile anche dall’Otto per Mille valdese

28 settembre 2016

Il referendum di domenica 25 settembre nella Republika Srpska, una delle entità che compongono la Bosnia-Erzegovina, ha stabilito di istituire il 9 gennaio come festa nazionale, contro il parere della Corte costituzionale

23 settembre 2016

Mancano due giorni al voto sull’iniziativa popolare con cui i cittadini ticinesi decideranno se e come bloccare i lavoratori, soprattutto italiani, che arrivano dall’estero, rafforzando il voto del febbraio 2014

Pagine