Una seconda possibilità per ricevere istruzione

La Federazione luterana mondiale offre speciali programmi di apprendimento per bambini che vivono nel campo profughi a Kakuma

Fonte: Flm

Il campo profughi di Kakuma è il secondo campo per rifugiati più grande del Kenia e si trova a 100 km dal Sud Sudan, nella contea settentrionale del Turkana. Ha una capienza di 120mila persone ma ne ospita 190mila: sono soprattutto persone provenienti dal Sud Sudan (51%), ma poi accoglie somali, congolesi, eritrei ed etiopi.

Presso il campo profughi di Kakuma la Federazione luterana mondiale (Flm) promuove da anni l’istruzione rivolta soprattutto ai molti adolescenti presenti, che hanno smesso di frequentare la scuola regolarmente a causa dei conflitti e dei continui spostamenti.

In particolare grazie al «Programma di apprendimento accelerato» (ALP), introdotto nel settembre del 2016, gli adolescenti – che in genere si ritrovano a condividere le aule con ragazzini di sette e otto anni – vengono inseriti in classi speciali con ragazzi della stessa età. In un anno solare coprono il curriculum di due anni di scuola elementare; alla fine sostengono gli esami nazionali della scuola primaria e in molti riescono ad accedere alle scuole secondarie. In genere gli studenti delle scuole gestite dalla Flm sono tra i primi dieci del Paese.

I risultati sono alti a fronte delle difficili condizioni di apprendimento a Kakuma. La regione di Turkana, dove si trova il campo, è estremamente calda. Anche nel periodo invernale, il termometro raggiunge i 30° C. In estate si sale a 50°. Durante la stagione delle piogge, poi, occorre fronteggiare emergenze come disastri naturali ed epidemie. In generale non c’è mai abbastanza acqua e cibo.

Le classi sono sovraffollate. Gli studenti del programma ALP non fanno eccezioni: in 464 condividono tre aule, ciascuna contenente circa 140 alunni.

Anche se a Kakuma ci sono rifugiati provenienti da 23 paesi, la maggioranza degli studenti ALP provengono dal Sud Sudan (40%). Sono studenti che parlano spesso della guerra. Inoltre essendo comune in quel paese il matrimonio precoce, le ragazze di solito non tornano a scuola una volta sposate.

È in questo contesto di estrema difficoltà che il programma ALP rappresenta per molti giovani una seconda opportunità per ricevere un’istruzione, esperienza che sarebbe impossibile nel paese d’origine.

Il Programma di apprendimento accelerato della Flm è finanziato dall’Unione Europea (ECHO). Attualmente vi partecipano 464 studenti.

La Federazione luterana mondiale, grazie ai finanziamenti ECHO, gestisce Programmi di apprendimento accelerato anche nei campi profughi in Sud Sudan e in Gibuti.

Immagine: via LWF/ C. Kästner

Interesse geografico: