Dal 29 giugno al 7 luglio si svolge a Lipsia in Germania il Consiglio generale della Comunione mondiale di chiese riformate, organizzazione che raggruppa oltre 229 chiese riformate, fra cui quella valdese.

Il 5 luglio nella vicina Wittenberg verranno siglati due importanti documenti. Il primo sarà l’adesione riformata alla «Dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione». Il testo è stato firmato in prima battuta dalla Chiesa cattolica romana e dalla Federazione luterana mondiale nel 1999, dopo diversi anni di dialogo impegnato, e ricorda come le chiese ora condividono «una comprensione comune della nostra giustificazione operata dalla grazia di Dio per mezzo della fede in Cristo», ponendo fine in questa maniera a dispute secolari in materia.

Il secondo documento è diventato noto come «Testimonianza di Wittenberg» e verrà sottoscritto dalla Comunione mondiale di chiese riformate e dalla Federazione luterana mondiale. Questo testo comune confesserà il dramma di una chiesa divisa, affermerà i frutti di decenni di dialogo impegnato da parte delle due organizzazioni e celebrerà i recenti passi verso l’unità fatti in tutto il mondo dalle rispettive chiese membro, con la prospettiva che essi proseguano negli anni a venire.

Dal 25 al 28 giugno è in corso a Zwochau, alle porte di Lipsia, anche il pre-consiglio dei giovani riformati mondiali,. Per parte italiana è presente all’incontro Annapaola Carbonatto della chiesa valdese di Torino e membra del consiglio della Fgei, la Federazione giovanile evangelica.

«Una grande gioia essere qui – racconta Carbonatto – insieme a ragazze e ragazzi giunti da ogni parte del pianeta. Interessante e costruttivo poter condividere con coetanei di varia provenienza opinioni sui temi materia di discussione quali fra gli altri tutela del creato, economia, giustizia di genere».

Un grande laboratorio per le nuove generazioni in attesa del Consiglio generale: «E’ molto positiva la possibilità di poter dibattere fra noi i testi e i temi che saranno oggetto di discussione – continua Carbonatto-. Viene così agevolato il dialogo e vengono approntati testi che verranno presi in considerazione all’interno del Consiglio generale. In questa maniera sarà garantita la presenza delle voci e delle posizioni delle giovani e dei giovani riformati nell’assise generale».

Al contempo si sta svolgendo anche il Youth Gathering, l’incontro anch’esso dedicato ai giovani, fra i 18 e i 25 anni, che non fanno parte di organismi ufficiali ecclesiastici, ma che hanno comunque interesse a vivere e condividere le esperienze intense di questi giorni. «Un’opportunità per mettere in comune molti spunti di riflessione, con attività svolte in parte insieme e in parte no - conclude Annapaola - . Ieri abbiamo avuto ad esempio una preghiera comunitaria molto partecipata, e questa sera in un teatro di Lipsia ci sarà un evento pubblico cui è invitata tutta la cittadinanza con varie performance artistiche, letture, momenti musicali, per festeggiare tutti insieme i 500 anni della Riforma protestante».

E’ in corso anche il pre-consiglio delle donne attorno al tema “Vivere Dio -in un mondo di violenza- ci rinnova e trasforma”.

La cerimonia di firma dei due documenti si terrà a Wittenberg nella mattina del 5 luglio nella chiesa di Santa Maria, Stadtkirche, in cui spesso predicava Martin Lutero.

Foto di gruppo dei partecipanti allo Youth Gathering, per gentile concessione Wcrc

Interesse geografico: