Il Cec è un organismo «Blu»

Il Consiglio ecumenico delle chiese ha inaugurato i nuovi distributori d’acqua potabile nella sua sede operativa a Ginevra

Il Cec ora è ufficialmente un organismo «Blu». L’occasione inaugurale è stata la visita del dottor Maude Barlow del «progetto Pianeta Blu» dal Canada che, raggiungendo la sede dell’Organismo ecumenico a Ginevra, ha assegnato il «certificato di Comunità blu» al Cec per la sua «consapevolezza sui problemi generati dall’indiscriminato uso di bottiglie di plastica monouso e per il loro impatto negativo sull’ecosistema del nostro pianeta».

Diversi distributori d’acqua potabile sono stati installati in diverse aree del Centro ecumenico con l’obiettivo di fornire acqua sicura e pulita e liberarsi così dalla plastica indirizzando sulla stessa linea ecologica anche i visitatori.

Per onorare questo impegno «Blu», e il sistema di distributori d’acqua recentemente installato, è stato promosso un evento che si è tenuto mercoledì scorso nel Centro e alla presenza di tutto il personale del Cec.

Sono stati presentate anche (appositamente progettate e personalizzate) le bottiglie d’acqua di vetro con il logo del Cec e un messaggio di sensibilizzazione sulla «Campagna blu».

Isabel Apawo Phiri (nella foto), la vice segretaria del Cec, ha poi guidato, attraverso una celebrazione, l’inaugurazione dei di distributori e ha detto: «questa rete distributiva d’acqua fornisce anche delle statistiche sul numero di bottiglie di acqua di plastica risparmiate e quanto Co2 abbiamo ridotto, nel mondo, utilizzando questi distributori».

Inoltre ha voluto ricordare i criteri per essere una «Comunità blu»: riconoscere l’acqua come un diritto umano e dire «no» alla vendita e l’uso di acqua in bottiglia, soprattutto in quei luoghi dove l’acqua del rubinetto è sicura da bere, e promuovere a livello pubblico il finanziamento di proprietà che gestiscano l’acqua potabile e i servizi di trattamento delle acque reflue.

Un breve video ha poi illustrato l’impegno del Cec come un’organizzazione rispettosa dell’ambiente.

Dinesh Suna, la coordinatrice della rete dell’acqua (Ewn), ha dichiarato: «Sono felice di vedere che i miei colleghi utilizzano queste bottiglie d’acqua di vetro blu distribuite dalla nostra Comunità per promuovere la cultura del “riutilizzare, ridurre e riciclare” e che si impegnano a rendere il Cec un’organizzazione eco-compatibile. Mi auguro sinceramente – ha concluso Suna –, che le nostre chiese membro in Europa e nel Nord America possano promuovere attivamente l’utilizzo dell’acqua di rubinetto per sopperire sia ai bisogni di acqua potabile, sia per l’uso personale e professionale».

Interesse geografico: